Home News E’ ora di passare alla Terza Repubblica anche senza passare per la Seconda

E’ ora di passare alla Terza Repubblica anche senza passare per la Seconda

0
6

La transizione politica italiana, apertasi nel 1993 con il crepuscolo della Prima Repubblica, e che ha corso negli ultimi mesi il serio rischio di concludersi con un fallimento di portata storica, ha invece conosciuto, nelle ultime settimane, una rinascita forse decisiva. Essa potrebbe condurci, nella prossima legislatura, ad un cambiamento davvero epocale della nostra vita politica, se questa volta si saprà condurre la trasformazione sino alla sua logica conclusione istituzionale.

Con un’accelerazione improvvisa, certo dettata dalla necessità, ma nondimeno portentosa, Berlusconi e Veltroni  sono riusciti, in poche settimane, quanto meno a creare le condizioni per la realizzazione di quella grande trasformazione del sistema politico italiano, che era in incubazione da quindici anni, e che aveva dovuto (e certo ancora dovrà) scontrarsi con le inevitabili resistenze frapposte da chi, al vecchio quadro politico e culturale della Prima Repubblica, restava e resta tenacemente abbarbicato.

La decisione di Pdl e Pd di correre da soli alle prossime elezioni ha infatti prodotto un risultato, il cui significato è chiaro e inequivocabile: a restare fuori, ad essere perciò costretti a presentarsi da soli e con poche speranze di poter incidere, sono infatti democristiani, comunisti e nostalgici missini. Con un’espressione brutale, ma veridica, si tratta dei rottami della Prima Repubblica, dei sopravvissuti di un passato che loro vorrebbero non passasse mai, a costo di condannare l’intero Paese all’immobilità e al declino.

Sin dal 1993 il confronto vero, al di là delle polemiche di basso profilo e degli interessi di bottega, è stato ed è tra due visioni diverse della democrazia, entrambe degne, ma incompatibili. Da un lato, la concezione della democrazia che i politologi anglosassoni chiamano ‘consociativa’ e che noi - dato il significato negativo che questo termine ha assunto in Italia - possiamo chiamare %E2

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here