La guerra in Iraq vista dagli inglesi

Dona oggi

Fai una donazione!

Sostieni l’Occidentale

La guerra in Iraq vista dagli inglesi

31 Marzo 2008

Come Leonardo Tirabassi sono convinta che una guerra risulta ingiusta o sbagliata secondo le difficoltà a vincerla.  Cinque anni fa guardando “shock and wave” a casa di fronte alla tv, la guerra in Iraq sembrava un film. Gli americani e gli inglesi avanzavano verso Baghdad, il dittatore Saddam era sparito dalla circolazione e sulla scena era rimasto Alì il chimico, che divenne la figura cult del conflitto. Mentre i carri armati marciavano verso Baghdad, Alì il chimico dette una conferenza dove disse: “Li circonderemo e uccideremo la maggior parte di loro”. L’esercito iracheno non oppose resistenza: questa è probabilmente la chiave del conflitto iracheno e delle difficoltà successive incontrate dagli americani, per i quali i problemi sono cominciati quando sono entrati in Baghdad, quando – abbattuto il tiranno – la guerra sembrava finita. Invece era solo cominciata. Dobbiamo al Times la maggior parte delle inchieste e delle notizie. Gli inglesi hanno partecipato militarmente alla guerra – diversamente da noi che abbiamo mandato una missione di pace – e vogliono capire perché nonostante il surge di Petraeus e l’invio di oltre 30mila uomini abbia prodotto dei risultati, la situazione sia ancora lontano dall’essere stabilizzata. In Italia il dibattito sulla guerra in Iraq è stato ideologico e a uso interno, perché manca una cultura della guerra e dell’interesse nazionale. La democrazia da noi non è ancora diventata l’interfaccia dello stato nazionale e la nostra politica estera è bombastic, da operetta, come dicono all’estero: ci si divide tra filoamericani e antiamericani, mentre in gioco