Mafia Capitale. Augello (Ap): interrogazione ministro Orlando per dichiarazioni sindaco Marino

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Mafia Capitale. Augello (Ap): interrogazione ministro Orlando per dichiarazioni sindaco Marino

25 Febbraio 2015

Un’interrogazione presentata dal senatore del gruppo di Area popolare Ncd-Udc, Andrea Augello al ministro della Giustizia Orlando per chiarire, "anche attraverso l’invio di un’ispezione alla Procura di Roma", se "sia a conoscenza di un’iniziativa della Procura riguardo l’inchiesta Mafia Capitale".

Il senatore prende spunto da alcune indiscrezioni giornalistiche pubblicate oggi e che riporterebbero dichiarazioni del sindaco di Roma, Ignazio Marino, il quale nel corso di una riunione di maggioranza "avrebbe esortato i suoi consiglieri ad accelerare le procedure di approvazione di alcune delibere proprio perché ‘sarebbero in arrivo 120 nuovi avvisi di garanzia’ per l’inchiesta di Mafia Capitale".

Per il senatore Augello "non può sfuggire la gravità del rischio che il sindaco possegga informazioni riservate, provenienti dalla Procura della Repubblica e che le utilizzi comunicandole ai suoi sodali".

"La questione – precisa quindi il senatore  – su cui interrogarsi è come faccia il sindaco di Roma a conoscere il numero esatto dei nuovi indagati e persino i tempi entro cui saranno iscritti nel registro degli indagati. E l’altro punto da accertare è a quali altre informazioni il Sindaco abbia accesso e attraverso quale canale nella Procura stessa".

"Non può sfuggire, perciò, la gravità dell’esistenza di un eventuale "gola profonda" a disposizione di Marino per queste fughe di notizie, ove si rammenti il pesantissimo coinvolgimento dell’amministrazione dell’attuale sindaco nell’inchiesta stessa, che ha fin qui coinvolto un assessore, il presidente del Consiglio comunale, il dirigente responsabile dell’anticorruzione ed il direttore denerale dell’Ama, tutti nominati nell’era Marino" conclude il senatore di Area popolare Ncd-Udc.