Mario dice no alla fiera degli scostamenti di bilancio



Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Mario dice no alla fiera degli scostamenti di bilancio

Mario dice no alla fiera degli scostamenti di bilancio

13 Settembre 2022

Alla fiera degli scostamenti di bilancio sono pochi a non iscriversi, ma Draghi non vuole cedere. Siamo il Paese con la finanza pubblica più scassata dell’eurozona, eppure ogni piè sospinto si apre la gara a chi offre di più. Nessuno indica le coperture, nessuno spiega puntualmente perché l’unica via sia l’ampliamento del debito pubblico. Soprattutto considerando che nell’ultimo trimestre il Pil è cresciuto dell’1,1% e del 4,7% su base annua. Secondo l’economista Lorenzo Codogno, questa performance è sufficiente a scongiurare una recessione.

Parliamoci chiaro, non è che gli italiani non abbiano dei problemi in questo periodo storico. Imprese e famiglie sono davvero in difficoltà. Ma allora i partiti dovrebbero farsi un esame di coscienza. Perché chi oggi chiede lo scostamento di bilancio ha fatto cadere il governo Draghi, il miglior esecutivo dell’ultimo decennio? Come possono Conte, Salvini e Berlusconi pretendere che il primo ministro tolga loro le castagne dal fuoco, per giunta creando un problema ai conti pubblici?

Ebbene, forse è il momento di fare sul serio. La campagna elettorale non è la campagna di marketing di un detersivo, sono le fondamenta dei prossimi cinque anni di democrazia. L’economia non è una “cosa” di cui si occupano pochi economisti, ma è ciò che determina la qualità della vita dei cittadini. I dibattiti parlamentari non sono risse utili a tornare in fretta alle elezioni, sono ciò che tiene vivo il nostro Stato democratico. Se questi leader, o meglio portatori insani di follower, smettessero di inseguire in consenso e decidessero di essere guida responsabile, l’Italia sarebbe un Paese migliore anziché il regno del populismo. Chissà se accadrà…