Pnrr, Governo esclude controllo Corte dei conti

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600


Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Pnrr, Governo esclude controllo Corte dei conti

Pnrr, Governo esclude controllo Corte dei conti

01 Giugno 2023

Il Governo ha depositato alla Camera l’emendamento al decreto PA per limitare i poteri di controllo concomitante della Corte dei Conti sul Piano complementare e sul Pnrr. Una mossa per velocizzare i lavori rispetto agli obiettivi del Pnrr. “Lo scontro si fa in due,” ha detto ieri il ministro Fitto. “Non c’è nessuno scontro con la Corte dei conti. Abbiamo massimo rispetto nella Corte dei conti, ma anche il governo chiede un analogo rispetto”.
Sul Piano nazionale il Governo per voce del ministro Fitto conferma che l’Italia rispetta la tabella di marcia, cioè i tempi previsti dalla UE. Nei primi due mesi del 2023 sono stati spesi 1,23 miliardi, il 3,1% dell’obiettivo del Pnrr.