Sud digitale e sostenibile, più investimenti nella formazione

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Sud digitale e sostenibile, più investimenti nella formazione

Sud digitale e sostenibile, più investimenti nella formazione

12 Agosto 2022

Un Sud digitale e sostenibile. Sì, ma come? Svimez stima in 400 giorni il tempo di attuazione dei progetti del Piano nazionale di ripresa e resilienza nei Comuni del Mezzogiorno. Tempi lunghi, troppo lunghi, per assolvere alle richieste della Ue sull’utilizzo dei fondi previsti dal Recovery.

Nel Sud non manca una infrastruttura tecnologica. Né gli incentivi o le agevolazioni fiscali. Come ha scritto ieri la Gazzetta del Mezzogiorno, la questione è il capitale umano. L’investimento da fare è quello sulle persone. Sulle competenze. Su nuovi profili nella trasformazione digitale e nel management della sostenibilità.

Gli investimenti privati in questo tipo di formazione sono ancora troppo bassi. La coesione tra scuola, università, tessuto imprenditoriale e associazioni di categoria non sufficiente. Così il rischio diventa perdere i soldi europei.

Nel Sud il divario digitale rispetto al resto dell’Europa è ancora troppo ampio. Un terzo dei meridionali non ha mai usato il Pc, su banda ultralarga, Industria 4.0 ed e-business il Mezzogiorno viaggia a velocità ridotta.

Le aziende meridionali dovrebbero investire di più in una cultura della crescita attraverso la innovazione, nella formazione, in ricerca e sviluppo per stare al passo con le nuove tecnologie più all’avanguardia.

Per la Pubblica Amministrazione occorre cambiar passo introducendo nel sistema profili che non corrispondano più all’identikit tradizionale dei dirigenti e dei dipendenti pubblici, laureati in lettere, giurisprudenza o nell’ambito umanistico. Per recuperare il gap, sfruttare presto e bene i fondi del Pnrr, la Pa nel mezzogiorno deve aprirsi a ingegneri informatici, esperti nel controllo di gestione, sviluppatori, analisti dei dati…

Sfruttiamo il Piano nazionale di ripresa e resilienza per investire nella formazione, specialistica e permanente.