Vivere conservatore, dove va la nuova Destra europea

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Vivere conservatore, dove va la nuova Destra europea

Vivere conservatore, dove va la nuova Destra europea

22 Giugno 2023

In Italia e in Svezia la nuova destra conservatrice e nazionalista è arrivata al governo facendo il pieno dei voti. La nuova destra cresce in Spagna con Vox, in Francia Marine Le Pen al momento è il politico francese più popolare, in Germania nonostante le accuse di razzismo l’AfD inizia ad essere corteggiata dai cristiano democratici. In Finlandia i partiti di destra hanno annunciato una nuova coalizione di governo. Il conservatorismo nazionale, radicato nella patria, nella famiglia, nell’osservanza cristiana e nella sovranità, fa parte del conservatorismo britannico fin dalle sue origini.

La nuova destra e Scruton

John Lloyd sul Financial Times ha fatto notare che tanti di questi leader e forze politiche si rifanno a quel conservatorismo inglese che ha il suo nume tutelare moderno nel defunto filosofo Roger Scruton. Una visione che in Gran Bretagna è alle radici della Brexit. L’altro nume tutelare è Papa Benedetto XVI. Il contrasto alla immigrazione clandestina, i limiti alla immigrazione regolare, un’idea di Europa che ridia maggiore sovranità ai Paesi membri insieme ai vecchi ma a quanto pare non tramontati valori Dio Patria e Famiglia sono il sostrato ideale dell’Europa che guarda a destra.

Mattias Karlsson, alfiere dei Democratici svedesi e Giorgia Meloni hanno i libri di Scruton nel cassetto. “La autobiografia del 2021 di Meloni, Io Sono Giorgia, cita Scruton dicendo che ‘la cosa più importante che un essere umano possa fare è stabilirsi, farsi una casa e trasmetterla ai propri figli'”, ricorda Lloyd, sottolineando che “il culto di Scruton si diffonde: A Budapest c’è una piccola catena di tre caffè Scruton”.

La sfida: competenze e restare democratici

La maggior parte di queste forze politiche pur avendo le sue radici nel fascismo o nel postfascismo sembra aver fatto i conti con il passato presentandosi come nuovi conservatori nazionalisti e togliendo di mezzo razzismo e antisemitismo. “Propongono un appello trasversale alle classi, con l’accento sulle classi lavoratrici e medio-basse, i loro principali elettori,” scrive Lloyd. “Gli elettori di queste classi, soprattutto gli uomini, si vedono sempre più rappresentati dalla Nuova Destra che dalla Vecchia Sinistra”. “Per tutti loro, la sfida sarà dimostrare di essere in grado di governare con competenza e di rimanere democratici nonostante le preoccupazioni e gli allarmi degli avversari”.