Home News A Berlino una festa sottotono

A Berlino una festa sottotono

1
4

Le strade di Berlino si sono tinte di blu celebrare solennemente i Cinquantanni dei Trattati di Roma. Città simbolo di uno dei più grandi successi dell’Unione europea, la riunificazione tedesca, come ha ricordato in una recente intervista il presidente del Parlamento Europeo Hans-Gert Poettering: «il successo di gran lunga più importante è stata la caduta del muro di Berlino».

Sabato pomeriggio ad accogliere i 27 capi di Stato c’era una speranzosa Merkel,  ed in sottofondo le note della quinta di Beethoven. Scelta musicale di Sir Simon Rattle, il direttore dell’orchestra della filarmonica di Berlino. Ufficialmente preferita alla nona perché la quinta è la sinfonia del destino che simboleggia nel suo quarto movimento il passaggio dalle tenebre alla luce, in realtà la scelta è stata dettata da ragioni meno nobili: per la nona il direttore avrebbe dovuto spostare tutta l’orchestra impegnata a Salisburgo, dove si sta allestendo L’oro del Reno, di Richard Wagner, in cartellone per il 31, per la quinta no, perché basta mezza orchestra. Persino Gianna Nannini, all’ultimo momento si è rifiutata di cantare nel concerto conclusivo. “Una festa troppo legata alle parole e alla retorica, qui si brinda con un bicchiere vuoto”, ha detto la cantante toscana, per poi aggiungere: “Lo spessore storico, culturale, civile e filosofico dell’Europa ci obbligano a fare di più”.

 Sinistri presagio di una festa riuscita solo a metà, fatta di tante celebrazioni ‘sotto i tigli’ ma di pochi momenti d’incontro e di discussione, forse evitati per non rovinare del tutto quel delicato clima di festa. Ultima festa per Tony Blair e per Jacques Chirac, in procinto di essere sostiuiti al vertice dei loro paesi, entrambi però sorridenti e galanti con la padrona di casa.

Un clima di festa presto rovinato dagli echi di quanto succedeva a Roma con il discorso di Papa Benedetto XVI in occasione della Conferenza episcopale europea. Parole dure quelle di Benedetto, secondo cui l’Europa rischia ‘l’estinzione e il congedo dalla storia’. É molto diversa la fotografia dell’Unione scattata da Ratzinger rispetto a quella della Merkel. Tra i moniti del Papa all’Europa quello sugli effetti sociali ed economici della denatalità.

Il calo demografico mette – secondo Benedetto VXI -  a rischio l’Europa e la mancanza delle radici cristiane la sua identità. L’Europa di Ratzinger pare dunque incamminata verso un lento ma inesorabile declino. Inevitabilmente più islamica data la provenienza dei flussi migratori rischia di smarrire la propria identità e di diventare terra di conquista da parte dei musulmani. Quegli stessi musulmani fermati militarmente a Lepanto, a Poitiers e a Vienna ma difficili da arrestare sotto il profilo demografico.

Anche la dichiarazione di Berlino è sembrata sottotono. Una dichiarazione breve e semplice, lontana dagli eurotecnicismi acrobatici cui ci aveva abituato il trattato cosituzionale, firmata sottovoce solo dal Cancelliere Merkel, dal presidente del Parlamento Europeo Hans-Gert Poettering e dal Presidente della Commissione Jose Manuel Barroso. Tre firme per un documento volto più a celebrare i successi del passato che a costruire il futuro e a risolvere la crisi del presente. Nessun accenno alla costituzione, nessun richiamo alle radici cristiane o al metodo comunitario fatto salvo per un debole accenno scritto in coda che suona così: «siamo uniti nell’obiettivo di dare all’Unione Europea entro le elezioni del Parlamento europeo del 2009 una base comune rinnovata». Una frase ambigua al punto giusto da non sollevare le critiche di nessuno. Francamente ci si aspettava di più per rilanciare il trattato costituzionale ed era la stessa Europa ad averne bisogno per uscire dalla crisi.

 Difficile pensare di affidare il rilancio della road map ad una dichiarazione così debole. Quasi per compensare la retorica della dichiarazione, la  Merkel ha pronunciato un discorso appassionato– a tratti fortemente biografico e proprio per questo credibile: «quando si conclusero i trattati di Roma avevo appena tre anni e sette quando fu costruito il muro».

Un discorso  che spiega il perché della scelta di Berlino, una «città divisa da un muro per 18 anni dove le persone pagavano con la vita per ricercare la libertà» e che impegna la Merkel a titolo personale a rilanciare il processo costituzionale con ritrovato vigore: «Io sto lavorando per assicurare che la road map venga adottata al termine della presidenza tedesca e confido nel vostro sostegno. In caso contrario sarebbe un fallimento storico».

 Un fallimento storico non solo dell’Europa ma%2C pare di capire, anche e soprattutto un fallimento politico del Cancelliere.

 

 

 

  •  
  •  

1 COMMENT

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here