Home News A Milano vincono i “precari autonomi”, è urgente la riforma del lavoro

Il popolo delle Partite Iva

A Milano vincono i “precari autonomi”, è urgente la riforma del lavoro

1
1

La vittoria della sinistra a Milano sarebbe il frutto del voto del popolo delle Partite Iva. Soprattutto i giovani lavoratori autonomi – precari e colti – avrebbero spostato il consenso a sinistra. La notizia emerge dalle analisi realizzate dalla "Swg" per conto dello staff di Giuliano Pisapia, dove si nota che tra gli elettori laureati ci sono stati 30 punti di distacco con la Moratti, 17 punti tra gli autonomi e 15 punti tra i dipendenti.

Si può pensare che l’abbandono della Moratti sia dovuto alla crisi e al periodo nero di occupazione che ne è derivato, o che sia stato per via delle mancate riforme dal fisco all’abolizione dell’Irap: sta di fatto che commercianti, artigiani e professionisti hanno chiaramente voltato pagina.

La vera novità è però un’altra. Dalla fotografia della "Swg", infatti, esce fuori un popolo di Partite Iva (quello milanese) composto per la maggior parte di lavoratori autonomi "giovani e laureati". E’ lo stesso popolo che qualche mese fa ha manifestato contro la precarietà e un Paese che riserva loro una condizione di estremo sfavore. Sono i collaboratori (co.co.co.), i lavoratori a progetto, occupati nel pubblico e nel privato, i quali, mancando la possibilità di accesso ad assunzioni definitive (nelle aziende per la crisi e nel pubblico per un overflow dell’impiego statale) sono costretti a lavorare come autonomi. Aprendo una partita Iva.

Una sottospecie di attività in proprio, da fruttare nei confronti di un solo committente: le nuove figure degli outsider, forse più volenterosi e più capaci degli insider, di chi cioè è riuscito a conquistarsi un’occupazione stabile. Sono i giovani, laureati, a cui il futuro promette meno di quanto ha offerto ai loro padri: un mensile di mille euro e, forse, di 400 per la pensione. Sono i contribuenti dell’Inps che devono, con la buona parte del loro guadagno, finanziare le pensioni agli anziani, sulla promessa di ricevere la metà dei predecessori.  

E’ anche alla luce di questo che oggi più che mai serve una decisa riforma di modernizzazione del mercato del lavoro.

 

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Precari con un altro nome
    Il sole 24 ore di oggi dedica due lunghe analisi alla flessibilità. Un’intervista e le considerazioni del cronista: bisogna essere flessibili, bisogna barattare flessibilità con un maggior guadagno. I Co.Co.Pro. sono il frutto di questa follia: sottopagati e sacrificabili. In questo periodo di crisi, mandati tutti a casa – ma non è disoccupazione, perché le aziende non li avevano mai assunti. E’ curioso che lo sciopero furibondo dei giornalisti de Il sole 24 ore di qualche settimana fa, fosse proprio dovuto ad una richiesta di maggior flessibilità da parte dell’azienda. Nel comunicato aziendali, i giornalisti strillano che “si tratta solo di un modo di licenziare”. Non è strano come la stessa medicina sia buona per gli altri, ma amara e poco efficace quando la applicano a noi? Confindustria chiede riforme per cui non vuole pagare il prezzo, e lo abbiamo visto. Vogliono avere una manovalanza di schiavi ed il caporalato? Lasciamo che sia Prodi, o Bersani, a darglielo.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here