A Renzi non piace smacchiare i giaguari

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

A Renzi non piace smacchiare i giaguari

07 Settembre 2013

Matteo Renzi torna ad attaccare i vertici del Pd, "il partito è stato un po’ troppo spesso in mano a dirigenti che nei loro territori perdevano anche le elezioni di condominio", dice polemicamente il sindaco di Firenze, "e ora vogliono dettarci la linea". Intervenuto alla Festa del Pd di Modena, Renzi ha spiegato che "c’è da rottamare la rassegnazione, l’idea che abbiamo sul futuro", chiedendo un nuovo gruppo dirigente  che "indichi concretamente dove portare l’Italia". E ancora: "sogno un Pd che abbia il buon senso dei sindaci". Renzi ha voluto anche precisare lo "spompo" sfuggito nel fuorionda di qualche giorno fa e indirizzato a Bersani, "riconosco a Pierluigi di averci provato", ma conclusione non è un giudizio benigno sull’ex segretario, "bisogna aver il coraggio di dire che se si parlava meno di giaguari e tacchini, forse era meglio".