Afghanistan, Parisi: blitz difficile, ci ha mesi alla prova

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Afghanistan, Parisi: blitz difficile, ci ha mesi alla prova

24 Settembre 2007

”Voglio salutare due italiani speciali che sono stati rapiti in Afghanistan e nella notte sono stati liberati a seguito di quello che viene chiamato un blitz, molto impegnativo, che ha messo alla prova la capacità professionale dei nostri militari e la solidarietà dell’Alleanza”. Cosi’ il ministro della Difesa Artuto Parisi.

I soldati italiani sarebbero stati rapiti da una tribù locale che aveva poi intenzione di consegnarli ad un commando talebano, che li avrebbe potuti utilizzare come «merce di scambio». La vicenda aveva creato anche alcuni imbarazzi all’interno dell’esecutivo per la fuga di notizie, diramate da fonti afghane, che aveva impedito la gestione dell’emergenza da un punto di vista puramente militare e di intelligence.