Afghanistan, Rubin contro la proposta italiana

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Afghanistan, Rubin contro la proposta italiana

20 Marzo 2007

“Un’iniziativa senza sbocchi, che non sta andando da nessuna parte”, queste le parole con cui Barnett Rubin, fra i massimi esperti Usa di Afghanistan, tuona contro la proposta italiana di una conferenza internazionale di pace per rilanciare l’intervento a Kabul.
“Non la appoggiano in Afghanistan, né negli Usa, né tanto meno negli ambienti NATO – spiega lo studioso – non abbiamo bisogno di un altro processo occorre rafforzare le istituzioni esistenti e cambiare le politiche in atto”. Forti critiche anche per la proposta di Piero Fassino di aprire la conferenza ai talebani. “Cosa intende per Talebani? ­Che il mullah Omar mandi un suo rappresentante? Come?”. I talebani, sottolinea lo studioso, “non hanno una rappresentanza diplomatica né tanto meno rispondono a un’organizzazione. La proposta – conclude Rubin – ­ sembra riflettere la politica interna italiana, e non una vera comprensione della situazione in Afghanistan”.