Aiea, rubato camion radioattivo in Messico ma non è la prima volta

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Aiea, rubato camion radioattivo in Messico ma non è la prima volta

04 Dicembre 2013

La Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (Aiea) lancia l’allarme: un camion con materiale radioattivo definito "molto pericoloso" è stato rubato in Messico. Il furto è avvenuto a Tepojaco, nei pressi di Città del Messico. Il camion trasportava un macchinario sanitario con cobalto 60 verso un centro di stoccaggio di rifiuti radioattivi. "Le autorita’ messicana stanno setacciando la zona e hanno diffuso un’allerta per sensibilizzare l’opinione pubblica", fa sapere l’Aiea. Secondo la Protezione Civile messicana, il macchinario è schermato e non c’è rischio di contaminazione dell’area. Ma se qualcuno provasse a manomettere il macchinario potrebbe essere investito da radiazioni. Secondo gli esperti, il cobalto potrebbe essere usato per creare una "bomba sporca". Ormai da tempo l’Aiea ha segnalato il problema dei materiali radioattivi presenti in ospedali, università e centri di ricerca del mondo.