Alfano, emendamento Ncd su preferenze. “Se Fi si ravvede si può fare”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Alfano, emendamento Ncd su preferenze. “Se Fi si ravvede si può fare”

25 Gennaio 2014

Il leader di Ncd, Angelino Alfano, annuncia un emendamento all’Italicum, la proposta di riforma elettorale passata in commissione affari costituzionali. Intervistato da Adnkronos, Alfano ha spiegato che "c’è un vastissimo arco parlamentare che vuole le preferenze", definendolo "certamente maggioritario se si tiene conto dell’ok di renzi e Grillo". Poi il messaggio a Forza Italia, "se si ravvede, si può fare". Alfano ha parlato di "preferenze generalizzate", ma ha aggiunto che si sta lavorando anche a "una proposta di mediazione sul modello di quanto accade in Germania, con una parte di lista bloccata e una parte di preferenze". "Confido sul fatto che si possa trovare una intesa anche con Forza Italia sulla legge elettorale", a dirlo a Sky è Renato Schifani, presidente del comitato promotore e senatore di Ncd, che aggiunge "vi sono però delle discrasie", sottolineando la battaglia del Nuovo Centrodestra per un sistema di voto che recluti i parlamentari sulla base delle preferenze. "Noi diciamo no a un parlamento dei nominati", aggiunge Schifani, convinto che la grande maggioranza degli italiani sono favorevoli alla battaglia sulle preferenze. Ieri, il gruppo in Senato di Ncd ha lanciato la campagna #preferiscolapreferenza, invitando i cittadini e gli elettori a diffondere l’hashtag e sostenere la proposta di Ncd tramite i loro blog e i social network.