Alfano vola all’Onu, appello per i Maro’. “Non li lasceremo soli”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Alfano vola all’Onu, appello per i Maro’. “Non li lasceremo soli”

18 Marzo 2014

Il ministro Alfano vola negli Stati Uniti e incontra il segretario generale della Nazioni Unite, Ban Ki Moon. Alfano ha in programma una serie di appuntamenti istituzionali tra New York e Washington. Il leader di Ncd non commenta la annunciata candidatura di Silvio Berlusconi alle elezioni europee, preferisce lasciarsi dietro le solite polemiche italiane.

Ha cose più importanti da fare: deporre una corona di fiori al Memoriale dell’11 Settembre, per esempio, un gesto simbolico che serve anche a ricordare da che parte sta l’Italia nel concerto delle potenze europee. Combattiamo il terrorismo, ci impegniamo per la sicurezza internazionale. Ed e’ proprio per motivi come questi che Alfano lancia ancora una volta un appello al Palazzo di vetro per la liberazione dei nostri fucilieri di Marina ancora prigionieri in India.

Latorre e Girone devono essere liberati. "Voglio lanciare un messaggio chiaro", dice Alfano, "il nostro paese non lascerà mai soli i marò". Infine, una dichiarazione sul governo mentre in Germania il premier Renzi incontra la Cancelliera Merkel. Stop alla austerità, afferma il ministro dell’interno, "l’Italia è protagonista di nuova rotta che senza sfasciare i conti deve puntare sulla crescita".