Alitalia. Ancora problemi, oggi nono giorno di disordine

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Alitalia. Ancora problemi, oggi nono giorno di disordine

23 Maggio 2007

Non si ferma lo stato di agitazione che vede coinvolta l’ex compagnia di bandiera. Anche oggi,
dopo 8 giorni consecutivi, gli assistenti di volo andranno
avanti con la scrupolosa applicazione delle “norme
contrattuali” su formazione di equipaggio, limiti d’impiego e
riposo minimo.
Le conseguenze all’aeroporto di Fiumicino si sono fatte
subito sentire: da una prima stima, risultano gia’ cancellati
per l’intera giornata, una decina di voli in partenza
dallo scalo romano, alcuni dei quali diretti a Linate, Catania,
Reggio Calagria, Verona e Pisa. Francesco Staccioli, rappresentante
SdL, uno dei sindacati protagonisti degli scioperi, spiega così la situazione: “finché l’azienda, che continua a non rispettare gli accordi
e a non riconoscere i diritti acquisiti, non riaprirà
concretamente un confronto, quantomeno risolvendo i problemi
progressivamente lo stato di agitazione andrà avanti. I problemi generali
ci sono, non ci nascondiamo dietro un dito, ma questa situazione
non e’ una responsabilita’ nostra, e’ stata l’azienda a farci
arrivare a questo”.

Con una mossa a sorpresa ieri il Ministro dell’Economia Padoa Schioppa ha annunciato che sulla base di una proposta adeguata, il Tesoro è disposto a vendere tutta la sua quota della compagnia, il 49,9% quindi, e non più il 39,9% come da accordi iniziali.