Alitalia, Epifani (Cgil): spero riprenda subito trattativa con Air France

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Alitalia, Epifani (Cgil): spero riprenda subito trattativa con Air France

09 Aprile 2008

“Spero che riprenda rapidamente il
confronto con il presidente di Air France Jean Spinetta”. È
quanto ha detto il segretario generale della Cgil Guglielmo
Epifani.

A margine di un incontro con la Consulta Giovani della
Camera del lavoro Milano, rispondendo a una domanda sui possibili sviluppi della vicenda
Alitalia in caso di vittoria di Silvio Berlusconi alle prossime
elezioni, Epifani ha detto: “Osservo che se facessimo un
accordo sarebbe difficile per tutti farne a meno, senza un
accordo invece, ovviamente, tutto può cambiare”.

“Noi – ha proseguito – facciamo il nostro mestiere, poi chi
ha le responsabilità se le assume, noi stiamo alle nostre cose
e alle nostre responsabilità, il resto dipenderà poi da tanti
altri fattori, la cui responsabilità non è nelle nostre
mani”.

Quanto alla trattativa che si è interrotta la scorsa
settimana con l’abbandono del tavolo da parte del presidente di
Air France, Epifani ha sottolineato che “sarebbe stato bene fin
dall’inizio immaginare il confronto in un clima diverso,
soprattutto perchè è stato utilizzato in campagna elettorale
da Berlusconi”.

Secondo Epifani “trattare in queste condizioni
una questione già di per sè difficile e complicata non è
stato facilmente gestibile”.

A chi gli ha poi chiesto se è meglio trattare dopo le
elezioni Epifani ha replicato: “questo scenario è meglio, ma
è importante già da domani definire alcuni orientamenti”.

Quanto al sindacato, Epifani ha sottolineato di voler “separare
il ruolo di trattare con la controparte dalle scelte e dalle
decisioni che poi il governo potrà o meno assumere”.