Home News Alitalia, Formigoni: nessuna divergenza con la Moratti

Alitalia, Formigoni: nessuna divergenza con la Moratti

0
22

Non c'è nessuna divergenza fra il presidente della Regione, Roberto Formigoni, e il sindaco di Milano, Letizia Moratti, per quanto riguarda il futuro di Malpensa e soprattutto la richiesta di una moratoria per mantenere nei prossimi tre anni l'attuale livello dei servizi.

È stato lo stesso governatore a sottolinearlo oggi dopo che, alla fine della riunione di ieri con il ministro dell'Economia Tommaso Padoa Schioppa a Milano, il sindaco aveva aperto alla possibilità di una gradualità nell'abbandono dei voli dallo scalo milanese proposta dallo stesso ministro, mentre Formigoni l'aveva liquidata come uno "tsunami".

"Il sindaco parla di gradualità purché non si perdano quote di mercato - ha spiegato - e ogni rotta in meno prima di avere una sostituzione toglie quote di mercato. È monsieur Lapalisse che lo dice". Dunque "fra me e Letizia Moratti - ha aggiunto - c'è una perfetta identità di vedute" visto che non perdere quote di mercato significa avere un sostituto per il servizio, "e questo è appunto la moratoria".

Formigoni ha spiegato che la gradualità nel taglio dei voli di cui ha accennato Padoa Schioppa significa ottenere un paio di rotte europee al posto dei tanti voli intercontinentali che non ci saranno più dal primo aprile.

"Per questo parlo di una presa in giro che fa perdere quote di mercato".

"Dicono no alla moratoria perchè così per due o tre anni saremo tutti costretti ad andare a Parigi per volare - ha aggiunto - Per tre anni il danno è certo".

Ulteriore smacco, secondo il governatore sarà poi il nome della compagnia. La stampa straniera infatti da per certo che "il termine Alitalia non sarà nemmeno nel logo - ha concluso - perchè KLM ha posto il veto. Così rischiamo l'ulteriore sfregio che la compagnia nazionale non si chiami nemmeno Alitalia".

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here