Alitalia, Lupi va in pressing sulla Cgil

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Alitalia, Lupi va in pressing sulla Cgil

14 Luglio 2014

Alitalia, dopo la trattativa fiume sugli esuberi solo Cgil non firma l’accordo, prendendo tempo. Gli esuberi erano 2251, sono diventati 954 più 681 esternalizzati. Cgil ha chiesto di poter decidere entro mercoledì. Il ministro dei trasporti, Maurizio Lupi, ha fatto capire che si andrà avanti anche se il sindacato guidato da Susanna Camusso dovesse dire no. Lupi ha rivendicato il fatto che l’accordo sia stato raggiunto dai "sindacati che rappresentano più del 70% dei lavoratori di Alitalia", chiedendo in ogni caso alla Cgil di non farsi da parte: "Mi auguro capisca l’importanza della sottoscrizione dell’opportunità che abbiamo davanti". Il 22 luglio Lupi volerà a Bruxelles per spiegare i termini dell’accordo tra Alitalia ed Etihad alla Unione europea.