Australia, Dreamworld parco della morte, 4 vittime affogate

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Australia, Dreamworld parco della morte, 4 vittime affogate

25 Ottobre 2016

Australia in lutto dopo la tragedia avvenuta nel parco di divertimenti Dreamworld, nel Queensland, in Australia. Quattro persone – due uomini e due donne – sono morte in un incidente mentre si divertivano con una delle attrazioni del parco, ‘Thunder River Rapids’, attraversando le rapide di un fiume artificiale su zattere circolari.

L’attrazione esiste da anni, viene considerata adatta alle famiglie ed è permessa anche ai bambini di due anni. Secondo le prime indagini, l’acqua del fiume abbia spinto una delle zattere contro l’altra, capovolgendosi e lanciando fuori bordo due delle vittime, mentre le altre due sono rimaste intrappolate.

“L’installazione ha subito una specie di malfunzionamento e uno dei battelli si è capovolto”, ha detto il supervisore del servizio ambulanze. “Siamo profondamente scossi e rattristati, e i nostri cuori e i nostri pensieri vanno alle famiglie coinvolte e ai loro cari”, ha detto ai giornalisti il direttore di Dreamworld, Craig Davidson. “E’ un evento tragico e contiamo che vi sia un’indagine approfondita nelle cause dell’incidente nei giorni a venire”, ha aggiunto il primo ministro Malcolm Turnbull.

“I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con le famiglie di chi ha perso la vita”, ha detto ancora il premier Australiano. La governatrice del Queensland, Annastacia Palaszczuk, ha ricordato di aver portato di recente la sua famiglia a Dreamworld. “Non lasceremo nulla di intentato per arrivare alla verità. Vogliamo assicurarci che episodi come questo non si ripetano più, la sicurezza deve essere la priorità numero uno”.