Home News Bassolino a Renzi: “Italia della primarie non è quella dei codicilli”

Tutte le news

Bassolino a Renzi: “Italia della primarie non è quella dei codicilli”

0
30

Antonio Bassolino è tornato. Dopo la bocciatura del suo ricorso contro il risultato delle primarie del Pd a Napoli, l'ex sindaco ha convocato i suoi sostenitori al teatro Augusteo. E il colpo d'occhio non era da buttare: gremito per l'occasione. «Siamo in tanti, altro che fedelissimi tanti mondi della città. Siamo in questo teatro più o meno quanti tutti gli iscritti al Pd di Napoli», ha detto Bassolino. 

 

Ovviamente ha parlato della primarie e si è rivolto ai vertici nazionali del partito: «Qualcuno ha parlato di guerra interna, ma bisogna saper pesare le parole. La vera guerra civile che dobbiamo combattere è quella contro la camorra, senza chiudere gli occhi come molti fanno. Sono sceso in campo per un atto d'amore verso la città, non mi interessano divisioni e rese dei conti. L'Italia delle primarie non può essere quella dei codicilli. Non lo è stata quando ha vinto Renzi, che io ho votato. Bersani decise contro i suoi interessi per primarie aperte, e io lo incoraggiai. Ora i vertici del partito e di Palazzo Chigi riflettano e intervengano. Io attendo con fiducia l'esito del nuovo ricorso».

 

E poi ha aggiunto, nel mettere tutti in guardia: «Perché le primarie vivano, servono tre condizioni: trasparenza, trasparenzae ancora trasparenza. Non può esserci un colpo di spugna burocratico, la questione è democratica. Abbiamo bisogno di verità, per Napoli, la politica e l'opinione pubblica italiana indignata da quanto è accaduto. Finora ci hanno risposto con cavilli, sentenze preconfezionate tra Roma e Napoli. Perciò oggi siamo qui». 

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here