Battesimo del Movimento Green e rispunta Granata. “Patriottismo verde”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Battesimo del Movimento Green e rispunta Granata. “Patriottismo verde”

28 Giugno 2013

E’ il battesimo del movimento "Green Italia", al Maxxi di Roma. Clima eco-chic per "mettere l’ecologia nel cuore della politica, offrire agli elettori italiani un’altra scelta da quelle oggi disponibili". Si vuole riportare al centro lo sviluppo sostenibile, l’economia verde, la riqualificazione urbana e le eccellenze italiane. "Non un’iniziativa culturale e senz’altro non un’ennesima associazione ambientalista", dicono i promotori. E’ un "Green New Deal", la rifondazione dell’ambientalismo italiano, fatta da politici non di primo pelo e imprenditori che adocchiano nel green un sostanzioso mercato da abbordare. Ci sono gli ambientalisti storici, i piddini come Roberto Della Seta e Francesco Ferrante, e a sorpresa, tra i nuovi fautori dell’economia "low carbon", spunta Fabio Granata, che finita l’esperienza futurista si ributta a capofitto nel terzismo green. Parlando di patriottismo verde e della ormai trita "glocalizzazione". "Non è la rifondazione dei verdi ma è un progetto molto più ambizioso, una forza europeista che guarda semmai ad esperienze simili come avviene in Francia o in Germania".