Bce: nel 2010 crescita moderata e la disoccupazione aumenterà

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Bce: nel 2010 crescita moderata e la disoccupazione aumenterà

21 Gennaio 2010

L’espansione dell’attività economica nell’area dell’euro "è proseguita verso la fine del 2009". La crescita nell’area euro nel 2010 avrà un ritmo moderato e il recupero con tutta probabilità sarà discontinuo anche perché la disoccupazione dovrebbe aumentare. A dirlo è la Banca Centrale Europea nel bollettino mensile.

"Il Consiglio direttivo – si legge nel Bollettino – si aspetta un moderato ritmo di espansione economica nell’area nel 2010, riconoscendo che il processo di recupero risulterà probabilmente discontinuo e che le prospettive restano soggette a incertezza". Per la Bce infatti "alcuni dei fattori che sostengono la ripresa hanno un carattere temporaneo". Le ultime informazioni, rileva l’Istituto di Francoforte, "confermano che l’attività economica nell’area dell’euro ha continuato ad espandersi sul fine del 2009, dopo l’incremento sul periodo precedente dello 0,4% del pil in termini reali nel terzo trimestre dello scorso anno". La zona euro, sottolinea, "ha beneficiato dell’inversione del ciclo delle scorte e della ripresa delle esportazioni, nonché dei significativi interventi di stimolo macroeconomico in atto e delle misure adottate per ripristinare il funzionamento del sistema finanziario".

Il basso grado di utilizzo della capacità produttiva "potrà verosimilmente ridurre gli investimenti e la disoccupazione nell’area euro dovrebbe seguitare ad aumentare in certa misura, attenuando al crescita dei consumi". Di conseguenza ci si attende che l’economia nell’area cresca "a ritmo moderato nel 2010 e il processo di recupero potrebbe risultare discontinuo". Non solo, secondo l’Istituto di Francoforte, "è probabile che l’attività sia frenata per un certo periodo dal processo di aggiustamento dei bilanci in corso nei settori finanziario e non finanziario, sia all’interno che all’esterno dell’area euro".