Berlusconi e l’emendamento fantasma in parlamento

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Berlusconi e l’emendamento fantasma in parlamento

02 Maggio 2014

Un fantasma si aggira per il parlamento: Silvio Berlusconi o meglio la sua firma in calce a un emendamento proposto dalla senatrice di Forza Italia Alessandra Mussolini sul Dl Lavoro. L’emendamento propone una defiscalizzazione generalizzata nel solco di altre grandi promesse del passato. Mussolini si chiede provocatoriamente: "Non vorranno mica censurarlo?" e incalza Ncd spiegando: "Con le modifiche alla Camera questo provvedimento di Renzi si è ‘fornerizzato’, cioè ci sono delle condizioni che impediscono ai giovani di entrare nel mondo del lavoro". Che Forza Italia se ne accorga ora, dopo aver votato le modifiche peggiorative del Pd in Commissione, benvenga. Ma non sarà con le evocazioni e il ricorso al soprannaturale che riusciremo a dare una impronta liberale al mercato del lavoro.