Berlusconi: tra noi e An problema di comunicazione

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Berlusconi: tra noi e An problema di comunicazione

18 Gennaio 2009



Un comunication breakdown alla Led Zeppelin starebbe alla base delle incomprensioni nate tra Fini e Berlusconi, il patto della Spigola è servito a chiarirsi ma non ha risolto tutti i problemi.

“C’è stato un problema di comunicazione. Tra An e La Russa”, ma quella del Cavaliere era soltanto un battuta alla quale però Italo Bocchino ha risposto per le rime: “Non esistono problemi di comunicazione tra La Russa ed An. Anzi, sono state proprio le assidue e puntuali comunicazioni di La Russa a tutta An ad aver reso necessario un chiarimento in merito alla costituzione del Pdl”.

Nodo della questione lo statuto del nuovo partito che non sarebbe arrivato a Fini anche se Berlusconi ha reso noto che “Lo statuto non è definito, ma c’è la prima scrittura già consegnata ad An e a tutti gli altri partiti del Pdl”.

E poi, continua il Cavaliere, “noi i rapporti li avevamo con La Russa, adesso li avremo anche con Fini. Nel Pdl non cambia nulla. Lo statuto non era stato portato all’attenzione di Fini ma è scritto da due mesi”.

Quindi la stampa ancora una volta sarebbe stata responsabile di calcare la mano sulla vicenda:

“tutte le divisioni ci sono solo sui giornali, quando parlo con i leader le divergenze sono sui dettagli. Bastano cinque minuti e tutto a posto. Devo solo parlare di più con loro”.

Se si tratta di comunicare, allora Berlusconi non è secondo a nessuno e infatti annuncia: “ci sarà una cena per verificare sia con An che con la Lega tutto, punto per punto. Ora non mi risulta nessuna distanza”. E poi, “al prossimo Consiglio dei ministri cominciamo a parlarne”.