Blair incorona Renzi erede del “riformismo radicale”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Blair incorona Renzi erede del “riformismo radicale”

03 Aprile 2014

L’ex premier inglese Tony Blair, intervistato da Repubblica, benedica il Governo Renzi: "I momenti di grande crisi sono anche momenti di grandi opportunità, perciò penso che Matteo Renzi possa realizzare l’ambizioso programma che si è dato per rilanciare l’Italia". Il "New Labour" di Blair per certi versi somiglia infatti al rinnovamento del Pd inseguito da Renzi. Renzi e Blair hanno cenato insieme a Londra in ambasciata italiana durante la visita del presidente del consiglio italiano nei giorni scorsi. "Le circostanze odierne sono molto differenti da quelle del 1997 quando io entrai a Downing street", spiega Blair a Repubblica descrivendo affinità e divergenze con Renzi, "ma il progetto fondamentale dei riformisti può ancora funzionare, andando oltre i vecchi divisori ideologici tra destra e sinistra. Oggi come ieri, occupare quello che io definisco il ‘centro radicale’ rappresenta la posizione politica più sensata".