Home News “Blitz” o “strappo” se il Pdl parla di giustizia apriti cielo!

I cento giorni

“Blitz” o “strappo” se il Pdl parla di giustizia apriti cielo!

1
17

Il ministro Gaetano Quagliariello taglia corto sul presunto "blitz" del Pdl sulla giustizia, come lo racconta il circo mediatico. Ieri il Popolo delle Libertà ha proposto un emendamento al disegno di legge costituzionale per istituire il comitato sulle riforme, che estende l'ambito di intervento anche alla parte della Costituzione che riguarda la giustizia.

''Nessuno pensa di introdurre nelle materie oggetto del ddl di revisione costituzionale il Titolo IV della Costituzione, quello che appunto riguarda la magistratura. I paletti non li ha fissati il governo, bensì  il Parlamento; il governo si e' limitato a recepirli in una legge'', dice oggi il Ministro Quagliariello in una intervista al messaggero. Insomma, quella di ieri è stata "una tempesta in un bicchier d'acqua", secondo il ministro, che sottolinea come il senatore Bruno, firmatario dell'emendamento, ha ''semplicemente posto una esigenza che peraltro il governo aveva chiarissima. Ci sono delle materie che sono correlate a quelle che vogliamo toccare''.

''Resta evidente che un problema giustizia in Italia c'è eccome'', aggiunge Quagliariello "Ed è 'assolutamente legittimo che sulla questione giustizia il Pdl eserciti un'iniziativa politica. Detto questo è altrettanto evidente, e non ci possono essere dubbi in proposito, che non esiste alcun tentativo di rinnegare l'accordo che è stato raggiunto, insisto, in sede parlamentare e non governativa. E che si intende assolutamente onorare''.

Pensiamoci un attimo. Tanti deputati e senatori, si pensi solo ai 5 Stelle, esaltano come se fosse una divinità il parlamento, la centralità del parlamento, il lavoro delle commissioni. Poi il Pdl avanza uno, dicasi uno, emendamento sulla questione della giustizia. Evvai. Le prefiche si scandalizzano solo a sentirla nominare, la parola giustizia, il piddino Zanda chiede "prudenza", "non servono strappi", mentre i grillini annunciano "Faremo le barriccate contro la giustizia ad personam". Certo, qualche giorno fa abbiamo avuto la sentenza sul Rubygate. Il ministro è cosciente del fatto che ''c'è il rischio" che processi e sentenze possano influenzare la vita dell'esecutivo. Ma è un rischio che va trattato politicamente con l'obiettivo di disinnescarlo''.

Chiediamoci dunque se la giustizia può essere riformata come si sta cercando di riformare le istituzioni? Perché il solo pronunciare questa parole eccita gli animi, perché è un tema così "supersensibile", perché non si può porre il problema di come funziona la giustizia in Italia, dei costi, dei tempi, ripartendo magari proprio da quelle scelte compiute, insieme, in passato, come sul giusto processo?

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Ma vorrei anche vedere che
    Ma vorrei anche vedere che non si scatenasse un pandemonio, il PdL è composto da una manica di banditi. E non sono io a dirlo, o il “circo mediatico”. Ci sono prove. Fatti. Già solo far mettere mano alle riforme istituzionali e costituzionali al PdL mi fa venire dei capogiri.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here