Bonanni (Cisl): “Al lavoro per un’iniziativa pro Legge Biagi”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Bonanni (Cisl): “Al lavoro per un’iniziativa pro Legge Biagi”

30 Agosto 2007

Un’iniziativa della Cisl in favore della legge Biagi prima del 20 ottobre. L’annuncio è stato dato direttamente da Raffaele Bonanni, segretario generale della Cisl.

In una intervista al quotidiano italo-venezuelano “La Voce d’Italia”, Bonanni ha reso noto il progetto – da confermare – di un seminario della Cisl da tenersi a ridosso del 20 ottobre, data delle manifestazioni pro o contro la legge Biagi, per parlare “a tutti, tutti, tutti” di quella normativa.

“E’ noto il mio apprezzamento alla legge Biagi. Ma siccome non voglio prestarmi ad alcuna strumentalizzazione politica, per me è interessante andare a quell’iniziativa (quella de 20, ndr) solo se sarà davvero un’iniziativa bipartisan”.

Il leader della Cisl ha ribadito la sua posizione nei confronti della Biagi: “In certi casi – ha detto – come nella regolamentazione del lavoro atipico, ha dato garanzie che aspettavamo da diversi anni. Gli stessi detrattori più accaniti della Biagi hanno fatto di tutto per poi usare la Biagi nella stabilizzazione di decine e decine di migliaia di persone che lavoravano nei call-center. Venne utilizzata una norma che io stesso contrattai col governo: la norma secondo cui, allorquando un lavoro palesemente dipendente è classificato nella parautonomia o addirittura nell’autonomia, il rapporto di lavoro diventa automaticamente a tempo indeterminato”.

E ancora: “Io non voglio fare polemiche con nessuno, ma una parte della cosiddetta sinistra radicale ha urlato a più non posso affinché venisse usata la Biagi per stabilizzare quei 20 mila lavoratori giovani”.