Clima di attesa

Boschi sì, Boschi no, ma adesso arrivano Visco e Ghizzoni

1
625

Maria Elena sì, Maria Elena no: tutti i giornali sono pieni di indiscrezioni e commenti interni al Pd su quanto la bella “Maria Etruria” possa ormai danneggiare il suo partito. Da dolce fatina del renzismo, capace di trasformarsi in un attimo nella tosta giaguara del nuovo potere toscano, la sottosegretaria ed ex ministra è diventata una palla al piede, una che deve ricorrere alla vecchia arma del vittimismo per impietosire il telespettatore: mi attaccano perché sono donna.

Ma intanto, la commissione di indagine sulle banche va avanti, tra il sempre più evidente nervosismo del presidente Casini e le rischiose audizioni che ormai il Pd non sa più come arginare. Persino il ministro Orlando, in un insolito exploit di sarcasmo antirenziano, invita il Pd a smettere di architettare, nella commissione banche, trappoloni in cui poi finisce per cadere solo lo stesso Pd.

In questo clima, e in attesa delle attesissime audizioni della settimana prossima (martedì Visco, mercoledì Ghizzoni), il senatore di IDEA, Andrea Augello, scrive una lettera a Casini che apre altre prospettive rischiose per la maggioranza. Con stile istituzionale, Augello preannuncia, tramite il presidente della commissione, una fatidica domanda da porre al governatore di Bankitalia: quali e quanti esponenti del governo Renzi hanno avuto incontri con lui?

“Dopo quanto accaduto durante l’audizione del dott. Vegas, è naturale che la Commissione (e comunque sicuramente il sottoscritto) non potrà esimersi dal chiedere al governatore Visco se un ministro della Repubblica, diverso dal ministro Padoan, abbia ricercato e ottenuto incontri con esponenti di vertice di Bankitalia in merito alla crisi di Banca Etruria o di altre banche”. Avvertendo preventivamente Visco, spiega Augello nella lettera, e invitando quindi il governatore a fornire spontaneamente informazioni sulla questione, “si eviterebbero equivoci e forzature”.

La settimana prossima, dunque, il clima nella commissione banche sarà surriscaldato, e per quanto i protagonisti delle audizioni cercheranno, prevedibilmente, di non alimentare lo scontro, sarà difficile che si riesca a seguire il vecchio metodo manzoniano del “sopire, troncare”.

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Sopire…troncare…
    Sopire…troncare…
    Non sarà necessario. la popolazione, che avrebbe il diritto di essere informata su che cos’è un audit. un controllo della contabilità bancaria e in secondo luogo in che cosa consiste il flusso di cassa negativo praticato diariamente dalle banche commerciali, ovvero l’uscita di cassa (fittizia: senza preventivo deposito in cassa), dicevo la popolazione non verrà affatto informata. Qualora lo fosse, mediante eleganti acrobatici voli di linguaggiio erudito, non capirebbe una beata mazza.
    Sia Visco sia Ghizzoni conioscono alla perfezione le frodi bancarie e le tecniche di falso contabile diretto ad occultare il riflusso le entrate in ricchezza reale), compensandole con le uscite (in annotazioni contabili fialse).
    Ma nessuno osa aprir bocca., Nè tanto meno esigere una riforma radicale dell’intero sistema di emissione monetaria travestito das Credito o prestito.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here