Home News “Bossi, basta furbate. Ci giochiamo il governo”

Il futuro del centrodestra

“Bossi, basta furbate. Ci giochiamo il governo”

"Siamo di fronte a una sfida epocale. Non è il momento di furbizie. E nemmeno di guerre fratricide. Rischiamo di perdere la nostra legittimità a governare. Chi non capisce il problema che abbiamo di fronte o è affetto da provincialismo o è un irresponsabile". Gaetano Quagliariello arriva nella redazione del Tempo in jeans e maglioncino blu. Parla piano, come suo solito. Ma le parole del vicecapogruppo del Pdl al Senato sono gonfie di preoccupazione per il momento delicato. Quanto mai delicato e rischioso per il governo stesso, visto che è costretto ad affrontare un'emergenza esplosiva. I suoi ragionamenti, dunque, sanno di appello a darsi una calmata. Poi sbotta: "Fermiamoci, fermiamoci tutti".

Senatore, è un appello soprattutto rivolto alla Lega?

"Mi rivolgo a tutti. Per ragioni geografiche, storiche e economiche l'Italia è il Paese più esposto di fronte a questa emergenza di dimensioni epocali. È il momento di restare uniti e di mettere da parte furbizie".

La Lega deve provare ad essere meno furba?

"La Lega è una forza di governo che ha dato prove di grande lealtà. Ora non può pensare di fare uno spot elettorale lungo un mese e mezzo".

A quale spot si riferisce?

"Non si può immaginare che il problema che abbiamo di fronte, che rischia di essere ben più ampio dell'esodo che si verificò al tempo della guerra del Kosovo, si possa risolvere tenendo gli extracomunitari in tendopoli site solo al Sud. Non si fa nemmeno un buon servizio al Nord se da quelle tendopoli scappano, prendono d'assalto i treni e si trasferiscono in alta Italia dove vi sono più opportunità… E d'altro canto non si può pensare che il Pdl possa pagare un prezzo elettorale, contemporaneamente, a nord e nella parte meridionale del Paese".

D'accordo, e allora come si fa ad uscire da questa situazione?

"Berlusconi, come al solito ci sta mettendo la faccia. Domani (oggi, ndr) sarà a Tunisi. Dobbiamo sperare che riesca ad avere garanzie anche se lì il governo è troppo debole per offrirle. Poi, valutate le conclusioni della missione, dobbiamo coinvolgere l'Europa. L'Italia fin qui ha fatto la sua parte. Ora dobbiamo fare in modo che anche l'Europa faccia la sua".

L'Europa? E come?

"Pretendendo che ciò che è scritto nell'ultimo documento dei ministri degli Esteri - l'impegno ad affrontare insieme l'accoglienza a quanti arrivano dall'Africa del Nord e l'azione comune al pattugliamento del Mediterraneo – da parole si trasformi in fatti".

Tutto ciò però non sta accadendo...

"Una risposta a tale inerzia potrebbe consistere nel concedere permessi umanitari di tre mesi a coloro che sono già entrati in Italia".

Una soluzione non consentirebbe più a nessun nostro confinante di attuare gli attuali respingimenti alla frontiera, come sta accandendo adesso a Ventimiglia...

"Diciamo che se l'Europa non comprende le parole quello potrebbe essere uno strumento di pressione. Se n'era parlato nell'ultimo tavolo tecnico, può essere una misura da attuare".

Senta senatore, quello che appare chiaro è che mentre la Lega ha una linea netta, il Pdl sembra ondeggiare, tentennare. È così?

"Non è così. Il Pdl ha attuato una politica che ha dato grandi risultati. Ed era quella degli accordi con i Paesi del nord-Africa: con la Tunisia, con la Libia, soprattutto, visto che Gheddafi aveva un ruolo di dominus nella sponda sud del Mediterraneo. Ora è evidente a tutti che questo quadro è mutato e bisogna varare una nuova politica".

Intanto neanche il Pdl sembra vivere un momento di grande serenità.

"L'unità del partito non è in discussione".

A guardare le immagini dell'ultima settimana non si direbbe.

"Guardi, la storia del Parlamento nei 150 anni di unità è piena di momenti di tensione, di discussioni accese. Nessuno si stracci le vesti perché nessuno può presentarsi nei panni di un'educanda. L'importante è sedare guerre fratricide. In questa fase storica l'imperativo categorico è trovare una nuova politica che ci consenta di vincere tutti insieme".

(Tratto da Il Tempo)

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Conversazioni
    “Ma quanto costa una vacanza in Italia? Chessò, diciamo: 1): un viaggio in una nave da crociera Grimaldi (che costa ai contribuenti 100.000 euro al giorno, lo sapevate?) con tanto di TV al plasma e camere con aria condizionata il tutto molto divertente da devastare e distruggere tanto nessuno ti dice nulla, ci mancherebbe; 2): un pullman GT che ti viene a prendere direttamente DALLA NAVE, non devi fare neanche un passo, trattamento da principe, per portarti a destinazione; 3): tutte le tv regionali e nazionali che ti riprendono come una Star, tu e gli altri fratelli musulmani e tu, ovviamente telefoni col cellulare a tutti i tuoi parenti a casa, avvertendoli che qui è veramente una pacchia e un paese di ciglioni e quindi di venire subito qui tutti a qualunque costo; 4): una pensione completa (vitto, alloggio, sigarette, scheda telefonica e mediatore culturale) a tempo indeterminato in una villa restaurata del 1300 nel Senese (sito di Palazzuolo) oppure in un albergo nel cuore di Firenze (quartiere di San Frediano, vicino al Carmine, dove ci sono gli affreschi di Masaccio)”? Risposta: “Dipende. Se sei un immigrato clandestino, a cui questo governo doveva fare la lotta, NON SPENDI NULLA. Anzi. Ti danno anche il permesso di soggiorno. Per avere in casa nostra arroganti magrebini devastatori, vandali incivili e barbari spadroneggiatori in casa nostra, che distruggono e danno fuoco alle strutture che li ospitano accompagnati da delinquenti, terroristi e avanzi di galera, che finiranno a spacciare la droga ai nostri figli e a vendere falsi nelle nostre strade, PAGA SEMPRE PANTALONE, L’ITALIANO COGLIONE”. Che però, prima o poi, toh… va a votare.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here