Brunetta: disprezzo governo su Telecom aiuta le banche

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Brunetta: disprezzo governo su Telecom aiuta le banche

11 Aprile 2007

“Quando si parla di scorporare una
società privata quotata in borsa i risultati sono sempre
negativi e su Telecom siamo di fronte a un vero e proprio
disprezzo del mercato da regime sovietico”. Questo l’attacco lanciato dall’eurodeputato azzurro, Renato Brunetta, sulla vicenda Telecom e sull’idea di separare
la rete infrastrutturale dai servizi.
“Quando ministri
dell’esecutivo, come Gentiloni, parlano di scorporo di pezzi di
proprietà privata – tuona durante la presentazione alla Camera del
XV manuale di conversazione politica titolo “Televisione e
Politica”- dimostrano di essere fuori da ogni logica di mercato. Evidentemente è un vizietto di certa politica che
persiste, o meglio sono dichiarazioni da regime sovietico. Quando il mercato si deprime, c’è
sempre qualcuno che ne approfitta, in questo caso sono le
banche, ma da quando in qua- conclude l’economista di Forza Italia – le banche
fanno concorrenza alle imprese?”

Brunetta ha presentato un’interrogazione al
Parlamento europeo, accusando il governo Prodi di market abuse su
Telecom.