Home News Brunetta: “Preparo la rivoluzione anti – fannulloni”

Interviste al caminetto

Brunetta: “Preparo la rivoluzione anti – fannulloni”

3
20

Dopo un incontro avvenuto a porte chiuse nella sede della Fondazione Magna Carta, Renato Brunetta, ministro della Pubblica Amministrazione e Innovazione del governo Berlusconi, ha rilasciato all'Occidentale un'intervista in cui rivela il suo "Piano industriale" per cambiare la Pubblica amministrazione in Italia.

  •  
  •  

3 COMMENTS

  1. fannulloni
    ciao a tutti. e ci risiamo.
    tutti dicono nessuno fà .
    sig BRUNETTA se lei riesce nel suo intento
    avrà un ringriamento a vita da tutti quei lavoratori
    che si inclinano le ossa giornalmente , che non mancano mai dal posto di lavoro e non vanno a farsi la spesa durante le ore di lavoro specialmente con i soldi pubblici quelli che non godono di nessun previlegio perche’ sono già pagati. Insomma per farla breve quelli stanchi ,quelli che non possono
    neanche permettersi il lusso di avere un piccolo esaurimento o dolori cervicali Persone vergognose
    pagano sempre le tasse e non possono neanche lamentarsi (chi li ascolta?).
    mando un bacio a tutti quelli fortunati amici di quello e quell’altro che si annoiano durante le ore di lavoro e nessuno li controlla forse perche’ troppo annoiati Fortuna vostra non disperatevi
    noi saremo sempre li a sorreggere i vostri sforzi.un saluto da giuseppe un fesso che non ha mai smesso di lavorare e pagare le tasse
    Forza Brunetta popopopopopo

  2. Grazie Ministro! Finalmente
    Grazie Ministro! Finalmente qualcuno che non ha paura di far un pò di pulizia ed ordine…
    Speriamo che non si fermi e che attualizzi sul serio il “piano industriale”.

    PS: peccato per la qualità delle riprese, chiaramente amatoriali.

  3. In bocca al lupo al ministro Brumetta
    Sono uscito dal mondo del lavoro da poco e mi dispiace non poter partecipare a questa annunnciata “rivoluzione”. Intanto raccomando al ministro Brunetta di tenere a mente quanto Alberoni e Veca ne “Altruismo e la morale” descivono circa le pubbliche amministrazioni di stampo anglosassone (Garzanti, 1998). Ricordando Hegel, in questo testo si rimarca l’importante lezione per cui è assurdo immaginare individui isolati, maggiormante nella pubblica amministrazione che, in fondo, è il volano dell’economia di un Paese. Così come me, quando dirigevo e gestivo con passione e con grande soddisfazione centinaia di lavoratori, ricercando la collaborazione di tutti per creare “squadra”, altrettanto mi auguro che sia la filosofia del professor Brunetta, indipendentemente dalla classe o dalla casta di appertenenza.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here