“Calci in culo” di Grillo al Pd. “Altri pugnette, noi fatti”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

“Calci in culo” di Grillo al Pd. “Altri pugnette, noi fatti”

22 Gennaio 2014

Ancora bordate dal blog di Beppe Grillo contro il Pd: "Chi scappa? Chi non rispetta i referendum? Chi disattende il programma con cui si e’ presentato ai cittadini? Chi non prende neppure in esame le leggi di iniziativa popolare? Chi fotte prima Rodota’ e poi Prodi grazie al voto segreto? Se i parlamentari del PDexmenoelle avessero votato alla luce del sole, ammesso che ne avessero avuto il coraggio, sarebbero stati cacciati a calci nel culo dal Parlamento dai loro elettori". Lo stile, come sempre, è angiportesco, ma conferma la totale rinuncia di 5 Stelle a dialogare sulle riforme. "Noi facciamo i fatti, manteniamo le promesse, gli altri fanno solo pugnette, in particolare i segretari del PDexmenoelle che cambiano ad ogni stagione ma in realta’ non cambiano mai. Il loro Primo Amore di Arcore non lo possono scordare, da lui hanno preso esempio fino a clonarlo in casa", un esplicito riferimento a Matteo Renzi, che aveva sfidato Grillo al momento della investitura proprio sul tema delle riforme. Segue rivendicazione delle battaglie pentastellate, la rinuncia a rimborsi e la lotta contro gli F35, poi si legge che "M5S voleva la decadenza del Porcellum. Ha votato lo scorso maggio la mozione Giachetti del PDexmenoelle, unico in Parlamento".