Campania, Cosentino (Pdl) dice sì  alla candidatura di Caldoro

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Campania, Cosentino (Pdl) dice sì alla candidatura di Caldoro

18 Gennaio 2010

Il sottosegretario all’Economia, Nicola Cosentino dice sì alla candidatura di Stefano Caldoro alla presidenza della Regione Campania. Il via libera sarà ufficializzato mercoledì nell’ufficio di presidenza del Pdl.

”La soluzione di Caldoro è quella che il partito in Campania ha sempre auspicato – ha detto a margine di una conferenza stampa – dopo la mia indisponibilità a correre penso si sia ritornati sulla soluzione politica, e’ certamente una ottima candidatura che ci consentira’ di rappresentare il cambiamento in questa regione”, spiega Cosentino, coordinatore regionale del partito,  per il quale “sarebbe paradossale che l’Udc non venisse con noi a concorrere nel cambiamento”.

Cosentino osserva poi che il partito di Casini “è stato con noi all’opposizione per tanto tempo, adesso è con noi al governo nelle province, mi dispiace questa politica ancora ambigua. Diciamo loro fate presto, altrimenti le porte dell’alleanza sono chiuse”.  Anche perché rileva il sottosegretario all’Economia “abbiamo la necessità di una politica chiara, trasparente da offrire ai cittadini campani. L’Udc non sta offrendo la chiarezza che noi invece continuiamo a chiedere”.

Il coordinatore regionale del Pdl oggi avrebbe potuto presentarsi come candidato alla presidenza della Regione Campania ma l’inchiesta nella quale è coinvolto, con la richiesta di arresto formulata dai pm napoletani e respinta dal Parlamento, ha bloccato tutto. Ma nella conferenza stampa di presentazione del candidato Pdl Stefano Caldoro, Cosentino conferma “di non essere affatto amareggiato” da tutta la vicenda.