Campania,  Cosentino (Pdl) fa un passo indietro: “Non mi candido”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Campania, Cosentino (Pdl) fa un passo indietro: “Non mi candido”

15 Gennaio 2010

Rush finale per i candidati governatori del Pdl. Mercoledì è convocato a Palazzo Grazioli l’Ufficio di presidenza del partito per sciogliere i nodi Puglia e Campania. Intanto nella regione partenopea Nicola Cosentino, coordinatore regionale del Pdl in Campania e sottosegretario all’Economia, ha deciso di fare un passo indietro rispetto alla sua candidatura alla poltrona di Bassolino.

In un’intervista al Mattino annuncia: Non mi candido. Non mi sento di essere più il candidato perché credo anche alla luce di una vicenda che continua a procastinarsi, che mi troverei ad affrontare una duplice battaglia, una elettorale e una giudiziaria”. Per questo, aggiunge, “intendo sottrarre il centrodestra a una campagna elettorale che si trasferirebbe dal terreno puramente politico a quello politico-giudiziario. Faccio un passo indietro nell’interesse del Pdl e del centrodestra, per sgomberare il campo da ogni strumentalizzazione e non offrire alla sinistra un’arma in più. Ho già comunicato la decisione a Berlusconi e ai coordinatori nazionali”.

In pole position per la candidatura resta Stefano Caldoro, esponente socialista. Per Cosentino ”è l’ipotesi più probabile. Nei prossimi giorni riuniremo gli organismi statutari regionali e in quella sede avanzeremo un’indicazione che proporremo all’ufficio di presidenza del Pdl convocato per mercoledi’ prossimo”.