Cantone e Bruti Liberati: Abolire le commissioni tributarie

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Cantone e Bruti Liberati: Abolire le commissioni tributarie

14 Marzo 2016

Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione, è stato intervistato su Sky a proposito dell’ultima inchiesta sulle sentenze pilotate delle commissioni tributarie a Roma. “In Italia c’è la tendenza a giustificare quando si ruba all’amministrazione pubblica," ha detto Cantone, "come si rubasse a Pantalone. E’ importante creare una magistratura togata su questi temi”. E ha continuato: “Non sono un’amante delle manette, nei confronti degli evasori è meglio intervenire sugli aspetti economici, l’evasore ha un danno perché è costretto a pagare le tasse e lo Stato recupera soldi. L’idea che si dia una sanzione penale e non si facciano pagare le tasse dovute è sbagliata”. 

 

Nel commentare poi le parole del Generale a capo della Guardia di Finanza, Capolupo, sull’esistenza dell’illegalità diffusa, Cantone ha voluto sottolineare: “C’è un problema di sensibilità sociale, dovuto a un problema di sottovalutazione culturale del fenomeno della corruzione. In questo senso io leggerei le parole del Generale Capolupo, perché soprattutto quando si tratta di mettere in discussione i valori, che sono quelli pubblici della Pubblica Amministrazione, si tende sempre ad avere una tendenza a giustificare". Cantone è intervenuto anche sulle primarie del Pd a Napoli. “Le primarie nei partiti vanno regolamentate per dare garanzia alla voce dei cittadini".

 

"A Napoli," prosegue Cantone, "si è esagerato ma i brogli non sono rilevanti. Non possono essere un fatto penalmente illecito perché sono un fatto privatistico. È come si votasse in una bocciofila. Mi pare che anche molti di questi brogli siano stati esagerati e esasperati. Quello che mi dispiace è che una partecipazione popolare venga mortificata da questi brogli. E questo, alla fine, si può evitare solo regolamentando le primarie". A proposito del Ponte sullo Stretto di Messina, invece, Cantone ritiene che sia “una scelta politica. Ma non si possono non fare le opere pubbliche per paura del rischio di infiltrazioni della criminalità. Non saremmo uno stato credibile. Mi chiedo però se sia utile. Sono meridionale, fare il ponte di Messina non avrebbe senso senza un impianto infrastrutturale nella zona". 

 

Ospite della stessa trasmissione Edmondo Bruti Liberati, che ha aggiunto sempre sul tema delle sentenze pilotate delle commissioni tributarie: “le commissioni vanno abolite e il Parlamento deve intervenire immediatamente per creare una magistratura togata su questi temi”. Il problema della corruzione in Italia, secondo Bruti Liberati, “è che c’è una scarsa sanzione sociale e una difficile repressione penale”.