Home News Caro Zingaretti, la patente di liberalismo non la rilascia il governo Conte

Doppia morale

Caro Zingaretti, la patente di liberalismo non la rilascia il governo Conte

1
176

Mi lasciano perplesso gli appelli del centrosinistra, ultimo quello del segretario del PD Zingaretti, che invitano tutti i democratici, liberali ed europeisti a sostenere il Governo Conte. Come se, in opposizione al Presidente del Consiglio e a questa raccogliticcia maggioranza, ci fossero gli antidemocratici, illiberali e anti europeisti.

Trovo che in questo ragionamento vi sia tutta la spocchia di una sinistra che, con storica doppia morale, ritiene di poter attribuire patenti politiche in questo Paese. Un’arroganza che ha già causato troppi danni nel passato ma anche nel presente e che rischia di produrli in futuro, vista la gestione di questa oscena crisi, condita a volte, a proposito di morale, da una campagna acquisti degna del miglior calcio mercato.

Nessuno però mi ha ancora spiegato una cosa: io mi sento profondamente democratico, liberale ed europeista. I miei riferimenti politici stanno tutti all’interno di questi mondi. Orbene, perché mai dovrei sentirmi di snaturare la mia personalità votando contro questo Governo? Forse significa che gli sforamenti di bilancio, grazie a sussidi e reddito di cittadinanza, i ritardi nel programmare Recovery e Mes, l’assenza di una politica di investimenti, i banchi a rotelle, i variopinti Dpcm e molto altro ancora, servono a ottenere la patente per democrazia  e liberalismo?

Mi permetto di dissentire: si può essere democratici, liberali ed europeisti anche senza fare così tanti errori e con un po’ più di competenza.

Credo, al contrario, che questa crisi venga gestita dalla maggioranza senza il coraggio necessario in questo momento: serrando i ranghi invece di aprirli, cercando voti sparsi invece di dialogare con tutte le forze politiche, difendendo posizioni indifendibili.

Quando si chiedono al Paese lacrime, sudore e sangue, bisogna chiedere a se stessi almeno responsabilità e serietà. Speriamo che dopo questo primo discutibile capitolo, ne segua un secondo con una fine migliore per l’Italia.

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Se volessi fare un gioco di parole politicamente scorretto, direi che, mentre gli Zingari possono essere persone serie e rispettabili, gli Zingaretti (significato in lingua italiana: Zingari di scrso valore, di bassa qualità) decisamente no. È un vecchio vizio “giacobino” quello di considerarsi gli unici “democratici” del mondo. Si veda su https://alleanzacattolica.org/linsorgenza-lucchese/ che fine fece l’Assemblea Costituente, eletta a suffragio universale nella Repubblica di Lucca agli inizi del febbraio 1799, su iniziativa, si badi bene, non degli occupanti francesi, ma dell’ultimo governo della vecchia repubblica aristocratica. Il generale francese che comandava le truppe occupanti poté solo accettare lo svolgimento delle elezioni. Ma non permise neanche che si riunisse una volta sola…

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here