Home News Cartoline dall’inferno. Come si vive e si muore negli “Stati falliti”

I peggiori in classifica

Cartoline dall’inferno. Come si vive e si muore negli “Stati falliti”

0
131

I dieci stati che si trovano al vertice della classifica di quest’anno dell’“Indice degli Stati Falliti” – le nazioni più vulnerabili del mondo – sono un gruppo tristemente familiare. La frantumata Somalia è lo Stato fallito al primo posto da tre anni consecutivi, e nessuno dei dieci della attuale top ten ha mostrato grossi miglioramenti, da quando Foreign Policy e Fund for Peace hanno iniziato a pubblicare l'indice nel 2005. Complessivamente, le prime 10 posizioni dell'indice sono ruotate solo tra 15 paesi infelici. Il fallimento di uno Stato, a quanto pare, è una condizione cronica.

L’indice di quest'anno si basa su 90.000 fonti disponibili pubblicamente, per analizzare 177 paesi e valutarli su 12 criteri di decadimento dello stato – dai flussi di rifugiati alla implosione economica, dalle violazioni dei diritti umani alle minacce alla sicurezza. Prese insieme, le prestazioni di un Paese sulla base di questi indicatori ci raccontano quanto è stabile – o instabile. E, purtroppo, per molti dei 60 stati più problematici al mondo, le notizie a partire dal 2009 sono gravi.

In cima alla lista, la Somalia ha visto ancora un altro anno tormentato da anarchia e caos, con i pirati che infestano le coste mentre le milizie radicali islamiche tengono in una morsa le strade di Mogadiscio. Dall’altra parte del Golfo di Aden, dallo Yemen a lungo ignorato, è balzata la notizia che un aspirante attentatore suicida si era addestrato per cercare di far saltare in aria un volo commerciale diretto a Detroit. L’Afghanistan e l’Iraq si sono scambiati di posto in classifica da quando entrambi gli stati hanno contemplato l'uscita delle truppe militari degli Stati Uniti, mentre il già isolato Sudan ha visto il suo dittatore, Omar Hassan al-Bashir, sfidare un mandato di cattura della Corte penale internazionale e la Repubblica Democratica del Congo, devastata dalla guerra, ancora una volta si è dimostrata un Paese solo di nome.

Anche le buone notizie, quando si parla di stati falliti, vengono mitigate da fatti concreti. Un governo di coalizione in Zimbabwe ha superato il secondo peggior attacco di iperinflazione della storia, favorendo il primo anno di crescita positiva per il Paese da più di un decennio, e lo Sri Lanka ha schiacciato l'insurrezione delle Tigri Tamil. Ma i sicari della sicurezza di Robert Mugabe ancora spadroneggiano su Harare senza controllo, mentre il governo dello Sri Lanka è accusato di aver commesso gravi violazioni dei diritti umani. Dati i tempi e le circostanze, i paesi si ricostruiscono. Sierra Leone e Liberia, ad esempio, non sono più da tempo tra i primi 20 Stati falliti, e la Colombia è diventata un successo sorprendente. Oggi pochi ricordano che la Repubblica Dominicana una volta gareggiava con la vicina Haiti per il titolo di "caso senza speranza dei Caraibi". Ma la storia generale dell’Indice degli stati falliti è allergica alla costanza, e nel 2010 non si sta rivelando diversa: le crisi in Guatemala, Honduras, Iran e Nigeria – tra gli altri  – minacciano di spingere questi paesi instabili al punto di rottura.

Negli ultimi sei anni, Fund for Peace, lavorando con Foreign Policy, ha messo insieme l’Indice degli Stati Falliti, usando  una serie di indicatori per determinare quanto stabile – o instabile – è un paese. Ma, come dimostrano le foto pubblicate in questo reportage, a volte la miglior prova è quella più semplice: riconosci se uno Stato è fallito quando lo vedi.

1.    SOMALIA
Punteggio 114,3 (su 120)

La Somalia è in cima alla lista dell’Indice degli Stati da tre anni – un testamento, non solo per la profondità del disastro di lungo corso politico e umanitario del paese, ma anche, come scrive James Traub, per l'incapacità della comunità internazionale di trovare una risposta. Dopo due decenni di caos, il paese oggi è in gran parte sotto il controllo di gruppi militanti islamici, il più noto e potente dei quali è Al-Shabab. Una seconda fazione, Hizbul Islam, ex rivale del primo quanto a brutalità – ha recentemente ammazzato due somali per il reato di guardare la Coppa del Mondo. Al largo della costa, i i pirati tormentano le navi che passano, spesso le tengono in ostaggio per un riscatto elevato. Nel 2009, i pirati somali hanno guadagnato una cifra stimata in 89 milioni in pagamenti in riscatto.

2. CIAD
Punteggio 113,3

I problemi del Ciad vengono spesso liquidati come una ricaduta del conflitto in corso alla porta accanto, quello del Darfur, in Sudan. Ma questo paese dell'Africa centrale è pieno di problemi propri. Un conflitto interno ha fatto circa 200.000 sfollati, e la vita sotto il governo paranoico del presidente Idriss Deby è sempre più infelice. Déby ha arrestato esponenti dell'opposizione e negli ultimi anni ha reindirizzato gli aiuti umanitari alle forze armate. I guai potrebbero presto peggiorare con la missione di peacekeeping delle Nazioni Unite nel parte orientale del paese, dove risiedono la maggior parte dei rifugiati, missione che partirà il 15 luglio. Gli abitanti del Ciad nel villaggio Dankouche combattono per condividere risorse scarse come legna da ardere con un vicino.

3. SUDAN
Punteggio 111,8

L'anno prossimo si rivelerà un anno decisivo per il Sudan, forse più di ogni altro dopo l'indipendenza del Paese nel 1956. Nel gennaio 2011, il popolo del Sud Sudan voterà un referendum per decidere se preferisce rimanere una regione autonoma o la secessione diventando uno stato indipendente. Tutti gli analisti prevedono che vincerà la secessione, ma sono altrettanto certi che non sarà così facile. E' probabile che il presidente Omar Hassan al-Bashir si aggrappi al controllo del sud, dove giace gran parte della ricchezza petrolifera del paese. Questo per non parlare del Darfur, dove i peacekeeper hanno recentemente segnalato un’escalation di violenza con centinaia di morti. In questa scena, i bambini si affollano intorno un elicottero delle Nazioni Unite nella città del Sud Sudan di Akobo.

4. ZIMBABWE
Punteggio 110,2

La vita nello Zimbabwe è senza dubbio migliore in quanto è stato raggiunto un accordo di condivisione del potere tra Robert Mugabe, che ha governato questo paese dell'Africa meridionale dal 1980, e Morgan Tsvangirai, il suo avversario più importante e attuale primo ministro, che è entrato in carica nel febbraio 2009. L'inflazione è scesa, i beni sono tornati sugli scaffali, le ONG sono in grado di lavorare di nuovo (anche se spesso sono ancora perseguitate), e il paese è in grado di attingere a linee di credito straniere da parte delle banche regionali e della Cina. La cattiva notizia è che Mugabe ha mantenuto il suo regime dittatoriale, come se nulla fosse cambiato: per esempio, ha celebrato il suo 30esimo anniversario nella sua sede con spettacoli e fanfare, mentre i bambini mostravano la loro lealtà militante al partito al potere. Mugabe e Tsvangirai operano in modo autonomo, tranne colloqui occasionali per risolvere le controversie sulle nomine nel governo, espropriazione della terra, gli arresti dell’opposizione, e la libertà dei media – tra le altre cose. Da mesi ci sono piccoli segni di progresso, ma entrambi i leader sono ora in attesa di nuove elezioni come "unica via d'uscita" della situazione di stallo politico, come ha detto Tsvangirai.

5. REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO
Punteggio 109,9

La Repubblica Democratica del Congo è l'epitome di un paese maledetto dalle proprie risorse. Benedetto dalla forse più abbondante, varia, ed estraibile ricchezza al mondo di minerali, il Congo è stato sfruttato dal momento che sono state scoperte le sue ricchezze – in primo luogo dai colonialisti belgi, poi da miserabili cleptocrati, e oggi dall’esercito e da diversi gruppi di ribelli e milizie. Nel frattempo, i minatori, come quelli che si vedono in questa foto, lavorano per magri salari. Nonostante tutte le ricchezze minerarie, oggi il Paese ha poco da mostrare per salvarsi da una delle situazioni umanitarie più disperate del mondo. Anche se la stima di 5,4 milioni di morti dal 1998, fornita dall'International Rescue Committee, è stata contestata, nessuno dubita che centinaia di migliaia di persone, se non di più, sono morte – non per combattimenti ma per malattie.

6. AFGHANISTAN
Punteggio 109,3

Per chi è informato su come sono andate le cose nel corso dell'ultimo decennio, l'Afghanistan non ha bisogno di presentazioni. E' in atto un’operazione militare a guida degli USA che lavorano città per città e rifugio sicuro per rifugio sicuro per sconfiggere i talebani, il movimento islamico che ha governato il paese fino alla caduta dell'Emirato dopo gli attentati dell'11 settembre 2001. Ma il debole e sfilacciato governo del presidente Hamid Karzai, rieletto in condizioni dubbie lo scorso agosto e che presiede un'amministrazione profondamente corrotta, ha frustrato questi sforzi. Ora che gli Stati Uniti si sono auto-imposti un termine per tirare fuori le truppe al massimo fra un anno, molti si chiedono se le condizioni permetteranno alle forze internazionali di lasciare il Paese. Nella foto, le donne nella capitale Kabul sono pazientemente in attesa – mentre una esplosione lì vicino ha mandato i passanti in delirio.

7. IRAQ
Punteggio 107,3

L’Iraq è schizzato verso l'alto nell’Indice degli Stati falliti dopo che l’invasione militare statunitense del 2003 ha spodestato il dittatore Saddam Hussein ed è iniziato un periodo di violenti disordini. Tra le esplosioni causate da omicidi settari e le rappresaglie che seguirono, più di 2 milioni di iracheni sono fuggiti dal paese, e molti devono ancora tornarci. Anche se l'Iraq si è calmato notevolmente dopo la violenza che ha raggiunto un picco nel 2007, il paese rimane profondamente polarizzato lungo linee etniche e religiose. Le recenti elezioni parlamentari sono state tra le più libere nel mondo arabo, ma sono state funestate da attacchi suicidi e accuse di frode, e un nuovo governo deve ancora essere nominato. Un certo numero di fattori potrebbe rivelarsi destabilizzante in futuro: la tensione sui diritti del petrolio, l'ostilità latente tra sunniti e sciiti, il ritiro delle truppe da combattimento USA dal 1 settembre. Nella foto, un attentato a Bagdad il 23 aprile scorso, in un giorno in cui sono morti in 58 in attacchi simili in tutto il paese.

8. REPUBBLICA CENTRAFRICANA
Punteggio 106,4

La Repubblica Centrafricana dovrebbe essersi ormai calmata, gli accordi di pace nel 2007 e nel 2008 hanno riportato i ribelli all’ovile del governo. Ma banditismo e la violenza sono ancora comuni, e recentemente il paese ha ospitato involontariamente la Lord's Resistance Army, un gruppo leggendario e brutale di ribelli che saccheggiano e che fanno nuove "reclute" tra i bambini sfortunati, dopo essere stati cacciati dal vicino Uganda. Nel frattempo, François Bozizé, un ex capo dell'esercito che è salito al potere in un colpo di stato del 2003, ha prosciugato la ricchezza del paese per il beneficio dei suoi quadri di piccole dimensioni. La Repubblica centraficana ha conosciuto poco o nulla di modernizzazione, dalla sua indipendenza dalla Francia mezzo secolo fa. Nella foto, un uomo guarda un villaggio dato alle fiamme con l'intento di scongiurare la presenza di serpenti e scorpioni – e aumentare la fertilità.

9. GUINEA
Punteggio 105,0

Gli ultimi 18 mesi sono stati una corsa sulle montagne russe per questo piccolo paese dell'Africa occidentale, con più bassi che alti. Dopo che il presidente della Guinea è morto nel dicembre 2008, un gruppo di soldati ribelli ha preso il potere, nominando un capitano dell'esercito canaglia, Moussa Dadis Camara, come presidente. Camara ha rapidamente dimostrato di essere un sovrano delirante, irregolare e violento. Nel settembre 2009, le truppe della Guinea massacrarono 150 manifestanti dell'opposizione nello stadio nazionale del paese, provocando l’indignazione internazionale. Mesi dopo, Camara è stato sparato da una delle sue guardie, che ha affermato che il leader della giunta lo ha costretto a prendere parte al massacro. Camara ferito è stato trasportato fuori dal paese per le cure mediche e il suo vice, Sékouba Konaté, gli ha dato il cambio insieme a un primo ministro civile. Le elezioni per eleggere un governo permanente sono state promesse per il 27 giugno – la prima buona notizia che questo paese fortemente militarizzato ha da un bel po’. In questa foto, i carri armati si preparano a fermare uno sciopero generale del 2007.

10. PAKISTAN
Punteggio 102,5

Il Pakistan è stato più volte descritto come il paese più pericoloso del mondo. Le selvagge zone del nord ospitano vari rami dei talebani pachistani e anche di al Qaeda (si pensa che Osama bin Laden sia tra di loro), mentre altri gruppi di militanti fanno affari più vicini alle aree urbane. In questa foto, una bomba esplosa ha fatto sei morti a Quetta, nel sud-ovest del paese. Più di 3 milioni di civili pachistani sono stati spostati dalle operazioni di  "contro-insurrezione" del 2009 – il più grande singolo spostamento di persone dal genocidio ruandese. Nel frattempo, il governo democraticamente eletto del presidente Asif Ali Zardari sembra sfortunato – non riesce ad ottenere alcuna misura di controllo civile su un esercito dotato di armi nucleari e ossessionato dalla pianificazione di una guerra con l'India, o sul servizio di intelligence che è accusato di favorire i talebani afghani. (Fine della prima puntata. Continua...)

Tratto da Foreign Policy

Traduzione di Maria Teresa Lenoci
 

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here