Casini non si sbilancia, terzo polo idea “astratta”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Casini non si sbilancia, terzo polo idea “astratta”

13 Aprile 2007

“Il terzo Polo è un’idea astratta. Può diventare
una necessità. Un rimedio”. Queste le dichiarazioni di Pier Ferdinando Casini nel giorno dell’inaugurazione del congresso dell’Udc a Roma.
“Aspetto sulla riva del fiume che passino le bugie. Tutta la storia
del cattolicesimo democratico – prosegue il leader centrista – nasce da una sorta di attrazione
fatale verso la sinistra perché là sventolano le bandiere della pace, là si
difendono i poveri. Ma poi sono venuti Wojtyla, Ratzinger e Ruini, ad aprire
una nuova stagione, a confutare l’idea della Chiesa come una grande ong”.