Caso Denise, epilogo drammatico. Uccisa e gettata in mare

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Caso Denise, epilogo drammatico. Uccisa e gettata in mare

10 Dicembre 2007

Denise Pipitone, la bambina scomparsa da
Mazara del Vallo il primo settembre del 2004, sarebbe morta e il suo corpicino
sarebbe stato gettato in mare, al largo di Palermo.

Sarebbe questo il terribile epilogo della
sparizione della bambina. Ne sono convinti gli investigatori che da tre anni
indagano sulla sparizione della piccola. A raccontare gli ultimi retroscena
della scomparsa, sarebbe stato Giuseppe Dassaro, l’ex marito di Rosalba
Pulizzi, zia paterna della bambina.

La donna sarebbe stata iscritta dalla Procura
di Marsala (Trapani), che indaga sulla scomparsa della piccola Denise, nel
registro degli indagati Rosalba Pulizzi, sorella del padre naturale della
bambina, per concorso in omicidio e sequestro di persona. La donna viene
accusata dall’ex marito, che non è altro che l’assassino di Sabine Maccarrone,
l’italo-belga uccisa nell’aprile scorso. Intanto, sono in corso perquisizioni
nella sua abitazione di Palermo.