Centrodestra, Schifani: “Sentenza non sposta indietro le lancette della Storia”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Centrodestra, Schifani: “Sentenza non sposta indietro le lancette della Storia”

21 Luglio 2014

"Se qualcuno pensa che questo verdetto ci restituisca Berlusconi nuovamente leader incontrastato del centrodestra, magnete attorno al quale ricostruire un’alleanza politica vincente e alternativa alla sinistra, si sbaglia. Una sentenza non sposta indietro le lancette della storia, né tantomeno quelle del centrodestra". Lo dice il responsabile del programma del Nuovo Centrodestra, Renato Schifani, in un’intervista al Giornale di Sicilia. "Sono convinto che Berlusconi possa ancora dare alla politica, rivestendo un nuovo e diverso ruolo, da aggregatore di un’alleanza di centrodestra nella quale lui non sarà più l’azionista di maggioranza. Del resto lo dicono anche i risultati elettorali. Il centrodestra, prima come PdL e poi diviso nelle varie realtà politiche, ha perso dal 2001 quasi 10 milioni di voti. Questo significa che bisogna cambiare", conclude Schifani