Invenzioni politiche

C’era una volta la sinistra. Oggi ci sono le sardine

0
1394

Scrisse Carlo Marx che “la storia si ripete sempre due volte, la prima come tragedia, la seconda come farsa”: però, la sinistra italiana ha ormai da tempo oltrepassato anche la fase della farsa. Orfana oramai di quegli ideali – nascosti sotto il tappeto – che sono stati rimpiazzati dalla nuova religione “laica” del politicamente corretto, dall’ecologismo e dalla riesumazione del pericolo fascista: quest’ultima, in particolare, è una fobia che rischia di cadere nel ridicolo, ma che, costantemente, viene sbandierata come un’emergenza nazionale da intellettuali, esponenti politici, giornalisti, tutti iscritti all’albo d’oro del pensiero dominante della cultura di sinistra, l’unica con il pedigree riconosciuto.

Nel tempo – dando, quindi, ragione a Nietzsche e alla sua teoria dell’eterno ritorno dell’uguale – abbiamo visto varie sigle comparire e scomparire, varie rivoluzioni essere annunciate e mai essere realizzate; abbiamo visto popoli viola, arancioni, arcobaleno. Un carnevale di sigle infinito, che, in questi giorni, ha prodotto la sua ultima creatura: le sardine. Dopo aver disboscato foreste, amputato olivi, dissezionato l’arcobaleno, l’ultima evoluzione della sinistra è un pesce osseo marino. Di conseguenza, è paradossale la metamorfosi della sinistra passata in 100 anni – Weimar 1919 – dall’ “io sono Spartaco” a – Bologna 2019 – “ io sono una Sardina”.

Questo movimento, nato, secondo la vulgata, da alcuni giovani animati esclusivamente dalla volontà di ostacolare le attività della Lega e del centro-destra in Emilia-Romagna, è l’ultimo esempio dell’inconcludenza delle sinistre e della totale assenza di proposte. La piazza di Bologna – fake news a parte – e quella di Modena rappresentano una sconfitta della sinistra più profonda di qualsiasi débâcle elettorale, in quanto a mancare sono le idee, le proposte, la visone. Ad animare queste piazze è l’odio, il senso di opporsi all’avversario fisicamente, assediandone i luoghi di riunione e di assemblea, senza riuscire, però, a contrastarlo con le idee.

Le Sardine, che, probabilmente, avranno la stessa sorte del popolo viola e di tutte le altre sigle, vengono oggi incensate dalla stampa e dai pensatori di sinistra come “opposizione spontanea”, e come “reazione di popolo”. Sulla spontaneità – come la storia ci insegna – si potrebbe sollevare qualche dubbio; invece, per quanto riguarda l’idea politica di fondo, non può che rattristare l’assenza di una maturità politica e di argomenti da parte di certa sinistra. Costoro si ritengono i nuovi partigiani, si ritengono contro il fascismo e si ritengono difensori della libertà; tuttavia, con le loro azioni tentano di impedire che altri esercitino determinati diritti. Inoltre, in questo Paese non è in gioco né la libertà, né la democrazia. Dunque, a far tremare la sinistra non dovrebbe essere lo spettro di un nemico sepolto nel 1945, ma la propria pochezza culturale e politica, il distacco dai problemi dell’Italia, il non cogliere le paure di un popolo in ginocchio.

Per queste ragioni il movimento delle Sardine si iscrive di diritto nelle carnevalate politiche, alle quali la società postmoderna ci ha abituato, ma alla quale non bisogna piegarsi.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here