Cfe, Rice: moratoria russa “ci dispiacerebbe”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Cfe, Rice: moratoria russa “ci dispiacerebbe”

07 Dicembre 2007

La decisione annunciata dalla Russia di sospendere l’applicazione del Trattato sulle armi convenzionali in Europa (Cfe) a partire dal 12 dicembre “dispiacerebbe” agli Stati Uniti e agli altri Paesi membri della Nato.

Tutti i Paesi, però, sono pronti a dialogare con Mosca “per risolvere qualsiasi divergenza in modo da poter passare al Trattato adattato”.

E’ quanto ha dichiarato il segretario di Stato Usa, Condoleezza Rice dopo aver incontrato, nell’ambito del Consiglio Nato-Russia a Bruxelles, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

“Abbiamo tutti espresso la nostra preoccupazione riguardo la posizione russa sul Trattato Cfe, il Cfe è dopo tutto uno degli elementi essenziali dell’architettura mondiale del dopoguerra e ci dispiacerebbe se la Russia confermasse la sua intenzione dichiarata di sospendere questo Trattato”, ha spiegato Rice.

“Ma continueremo a lavorare per risolvere qualsiasi divergenza in modo da poter passare al Trattato ‘adattato'”, ha aggiunto.