Ciclismo. Giro d’Italia, Di Luca trovato positivo al test di Epo

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Ciclismo. Giro d’Italia, Di Luca trovato positivo al test di Epo

22 Luglio 2009

Il corridore italiano Danilo Di Luca è risultato positivo per due volte, il 20 ed il 28 maggio, all’Epo ricombinante Cera durante l’ultimo Giro d’Italia, che quest’anno aveva chiuso al secondo posto.

L’abruzzese, vincitore dell’edizione 2007, è stato già sospeso dall’Uci (Unione ciclistica internazionale). La notizia, prima diffusa in forma ufficiosa in ambienti del ciclismo italiano, è stata poi confermata dall’Uci.

Le analisi sono state effettuate dal laboratorio antidoping di Parigi. I test mirati hanno prodotto esiti che sono stati confrontati con le informazioni contenute nel passaporto biologico dell’abruzzese.

La sospensione provvisoria di Di Luca rimarrà in vigore fino a quando la Federazione italiana (Fci) deciderà se l’atleta abbia violato l’articolo 21 del regolamento antidoping dell’Uci. Di Luca, evidenzia l’Unione ciclistica internazionale, "ha il diritto di chiedere e attendere i risultati delle controanalisi relative a entrambi i campioni".