Cipro. Omicidio editore Hadjicostis, fermata presentatrice tv

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Cipro. Omicidio editore Hadjicostis, fermata presentatrice tv

22 Gennaio 2010

La nota presentatrice della Tv privava cipriota Sigma Elena Skordeli e suo fratello, il giornalista Anastasios Krasopoulis, sono stati fermati dalla polizia nell’ambito delle indagini sull’omicidio dell’editore Antis Hadjicostis, 41 anni, direttore generale del grande gruppo editoriale Dias, ucciso la sera dell’11 gennaio scorso a colpi d’arma da fuoco davanti alla sua casa a Nicosia.

Lo hanno riferito stamani radio locali precisando che i due saranno ora trattenuti per otto giorni a disposizione del magistrato. Insieme con il diffuso quotidiano Simerini, la radio Proto e diversi settimanali, anche la Sigma Tv fa parte del gruppo Dias. Nell’ambito delle indagini sull’omicidio, senza precedenti su quest’isola, nei giorni scorsi la polizia ha arrestato tre uomini greco-ciprioti (uno dei quali ha confessato di aver partecipato all’organizzazione del delitto) mentre ha spiccato un mandato di cattura internazionale per un quarto individuo, Gregoris Xenofontos, 29 anni, che si troverebbe in Moldavia. Elena Skordeli, che insieme al fratello è anche azionista della Sigma Tv, ieri l’altro aveva chiesto la protezione della polizia per sé e per la sua famiglia in seguito ad asserite minacce ricevute da sconosciuti che avrebbero anche sabotato la sua autovettuta allo scopo di provocare un incidente.

Antis Hadjicostis è stato ucciso con due colpi d’arma da fuoco esplosi a distanza ravvicinata al petto e alla schiena – probabilmente con un fucile a canne mozze – mentre stava scendendo dall’auto davanti alla sua casa nella capitale a pochi passi dalle super-sorvegliate ambasciate di Usa, Russia ed Egitto. A colpirlo era stato un uomo che indossava un casco da motociclista e che, subito dopo aver sparato, è fuggito a bordo di una moto di grossa cilindrata guidata da un complice.