Battaglie sinistre

Cirinnà e Boldrini, riecco l’alleanza pro Lgbt

0
1877

Che il Pd si fosse spostato sempre più a sinistra era chiaro a tutti, almeno sin dall’elezione di Zingaretti a segretario Dem. La scissione renziana ha fatto il resto. E ora, a quanto pare, i piddini si preparano ad accogliere pezzi sparsi della variegata costellazione della sinistra. La prima “star”  è Laura Boldrini che oggi ha annunciato il suo ingresso al Pd: “Con la destra peggiore di sempre non è più tempo di piccoli partiti e di fare troppi distinguo, a forza di farlo rischiamo solo di estinguerci” dice l’ex presidente della Camera.
“Con lei il partito è più forte” la saluta festante Zingaretti. Ma chi esulta per davvero è Monica Cirinnà: “Sono davvero felice per l’ingresso di Laura Boldrini nel Partito Democratico. E’ un segnale importante, che dimostra che il PD è la casa di chi vuole una sinistra forte, larga, attenta a questione femminile e diritti. In questi anni, Laura e’ stata un’alleata preziosa in tante battaglie su questi temi e non solo: sono sicura che faremo grandi cose assieme, per rafforzare l’identità del PD come forza di inclusione, libertà, eguaglianza, diritti e giustizia sociale. E’ davvero un bel giorno per le democratiche e i democratici”.
E per la Cirinnà non poteva essere altrimenti dato che ha condiviso più battaglie con la Boldrini che con gente del suo partito. In primis, ovviamente, quelle pro Lgbt e robe del genere. Per cui, l’agenda in materia di nuovi diritti che la Cirinnà ha avuto modo di esporre in più occasioni alla vigilia della nascita del governo giallorosso (“Penso ad una legge contro l’omotransfobia: in Senato ci sono due ddl, uno a firma della collega Maiorino e uno a mia firma, che sono largamente sovrapponibili. Ma penso anche al fine vita, alla legalizzazione delle droghe leggere, al matrimonio egualitario, alla omogenitorialità e alla riforma delle adozioni per tutte e tutti. Adesso abbiamo di fronte una pagina bianca e un nuovo percorso da avviare”) ora potrà contare su un alleato in più. Pardon, un’alleata in più.
  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here