Clima, a Parigi tutti d’accordo. Anche Usa, Cina e India

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Clima, a Parigi tutti d’accordo. Anche Usa, Cina e India

13 Dicembre 2015

Il presidente americano Barack Obama ha definito COP21, il vertice sul clima di Parigi, un “risultato enorme” che è stato “anche merito della leadership americana”. L’accordo è stato raggiunto alla Conferenza delle Nazioni Unite di Parigi e viene considerato da molti osservatori un successo diplomatico, dopo il fallimento del precedente vertice di Copenaghen.

 

Gli Stati Uniti hanno puntato tutto sulla flessibilità dei negoziati, cercando di preservare l’autonomia dei singoli Paesi che hanno partecipato al vertice. I negoziati che hanno portato all’accordo di Parigi sono durati 13 giorni, 195 i Paesi che hanno partecipato agli incontri, sottoposto le loro proposte e sottoscritto il documento dell’accordo che pone come obiettivo vincolante la limitazione da oggi al 2020 delle temperature del Pianeta sotto i due gradi centigradi.

 

Il vertice ha introdotto anche dei piani per la riduzione dei gas serra, per il loro monitoraggio, e i Paesi più industrializzati si impegnano a sostenere quelli più poveri sui temi ambientali, con un fondo da cento miliardi di dollari. L’accordo è stato sottoscritto da Paesi che fino ad oggi avevano mostrato un atteggiamento diverso da quello europeo, come Stati Uniti, Cina e India.