Congo. Ritrovati i resti dell’aereo scomparso, nessun superstite

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Congo. Ritrovati i resti dell’aereo scomparso, nessun superstite

21 Giugno 2010

È stato trovato in Congo il relitto dell’aereo scomparso sabato con a bordo l’intero consiglio di amministrazione della società mineraria australiana Sundance Resources. Il ministro camerunense della Comunicazione Issa Tchiroma Bakary ha fatto sapere che non ci sono superstiti.

Il velivolo, un Casa C212 operato dalla compagnia congolese Aero-Services, era sparito dai radar mentre era in volo tra la capitale del Camerun, Yaoundè, ed il villaggio di Yangadou, nel nord-ovest del Congo.

Tra gli undici membri del cda della compagnia mineraria a bordo dell’aereo c’erano il presidente Geoff Wedlock, l’ad Don Lewis, il segretario generale John Car-Gregg ed uno dei principali azionisti, Ken Talbot. Quest’ultimo era, insieme a Wedlock, uno degli uomini più ricchi d’Australia.

La società ha spiegato che la presenza dell’intero consiglio d’amministrazione sullo stesso aereo, pur essendo vietata per politica aziendale, si era resa necessaria in virtù delle difficoltà di spostamento nella regione. Nell’area infatti la Sundance è titolare della licenza di sfruttamento di un giacimento di ferro che si estende tra Camerun, Congo e Gabon con un potenziale da 35 milioni di tonnellate annue di minerale per i prossimi 20 anni.