Consiglio d’Europa boccia utero in affitto

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Consiglio d’Europa boccia utero in affitto

15 Marzo 2016

La commissione affari sociali del Consiglio d’Europa ha bocciato la proposta della deputata belga Petra de Sutter sull’utero in affitto. "Apprendiamo con soddisfazione la bocciatura, quest’oggi, in commissione affari sociali del Consiglio d’Europa della proposta della deputata belga Petra de Sutter sulla maternita’ surrogata," commenta il Forum delle associazioni delle famiglie dopo il voto Ue. "Positivo in particolare e’ che la decisione sia stata sostenuta da deputati di ispirazione diversa. Questo mostra come sul diritto alla vita e’ possibile trovare spazi di dialogo e collaborazione anche tra mondi un tempo lontani e contrapposti. Che l’Europa si sia espressa contro la pratica dell’utero in affitto e’ importante anche per l’Italia, dove la legge la vieta. Bisognera’ tenerne conto quando la Camera dovra’ esaminare la legge sulle unioni civili". Una bocciatura sulla legge sulle unioni civili in discussione alla Camera arriva invece da un gruppo di esperti sentiti in audizione alla Commissione giustizia della Camera. La legge, dicono gli esperti, "avra’ delle conseguenze sociali sulle future generazioni". Gli esperti del Centro Studi Livatino e del comitato Difendiamo i nostri figli invitano a fare una "riflessione sugli effetti del ddl visti con gli occhi delle future generazioni". Gli esperti hanno quindi messo in guarda dalla rottura del modello di famiglia tradizionale, "perche’ si propone di decostruire il modello naturale familiare e affiancare a questo altri modelli" e questo avrà inevitabilmente delle conseguenze sociali.