Consulta: “L’aggravante della clandestinità è discriminatoria”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Consulta: “L’aggravante della clandestinità è discriminatoria”

09 Luglio 2010

L’aggravante della clandestinità discrimina gli extracomunitari rispetto ai cittadini italiani e comunitari. La Corte costituzionale ha depositato oggi le motivazioni della sentenza con la quale è stata bocciata l’aggravante della clandestinità prevista dal decreto sicurezza.

Per i giudici della Consulta, che hanno invece salvato il reato di clandestinità, è in netto contrasto con l’articolo 3 della Costituzione, "che non tollera irragionevoli diversità di trattamento" tra cittadini stranieri irregolari e italiani o comunitari.

La norma censurata si basa, spiega il relatore della sentenza Gaetano Silvestri, sulla presunzione generale e assoluta della maggiore pericolosità dell’immigrato irregolare, con conseguenze sulle sanzioni che gli vengono imposte qualunque sia la norma penale che viene violata. Una contraddizione, secondo Silvestri, resa ancora più evidente dal fatto che, con la modifica alla legge 94/2009, è stata esclusa l’applicabilità dell’aggravante per i cittadini di Paesi appartenenti all’Unione europea.